Friday, September 11, 2015

Quando il Complotto diviene incredibile realtà. I Casi più clamorosi scoperti e documentati nel XX secolo.


I complottisti sono solo dei paranoici ignoranti che mettono in dubbio qualsiasi episodio che accade nel mondo? Sono dei visionari  un po ridicoli che credono ad ogni versione bizzarra che si discosti da quella ufficiale? Oppure i disinformati e i sempliciotti sono proprio quelli che accettano per buone le versioni ufficiali dei loro Governi, senza nutrire il minimo dubbio, senza obiettare alcunchè? Una fiducia totale o un totale asservimento ai potenti?
"Io rispetto la fede, ma è il dubbio che ti educa", parafrasando una citazione di Bruce Lee, anche lui deceduto in circostanze non propriamente cristalline. Una mente curiosa è quella che non si accontenta di una banale verità, specie se la versione governativa offre numerosi punti oscuri ed inspiegabili. Non stiamo parlando di santi immacolati, di personaggi con ali ed aureola, affidabili al 100% ( esistono?) ma di politici e politica, di un gruppo di potere formatosi prima per consolidare i propri interessi e poi, se avanza ancora qualcosa, per aiutare il cittadino comune. I Governi hanno imbottito il corso della Storia con complotti, truffe, insabbiamenti di prove, ruberie, corruzioni e menzogne, tante menzogne da riempire una biblioteca intera, eppure il popolo continua tutto sommato a credere a ciò che i Governi affermano, continuano a delegare a questi signori la loro vita e parimenti a ridicolizzare chi mette in dubbio in maniera frontale e diretta le versioni ufficiali come "costruite a tavolino" per innescare una determinata reazione nella gente, manipolandola.
La storia ci viene in soccorso mostrandoci numerosi eventi del passato dove la verità non era quella plasmata dai giornali e dalle televisioni ma proprio quella dei presunti "complottisti". Documenti segreti che divengono di dominio pubblico, ex dipendenti governativi che vuotano il sacco e giornalisti ostinati fanno saltare il vaso di Pandora. Ma allora perchè la gente non di indigna? La scoperta dell'inganno avviene di solito  con molti anni di ritardo, le nuove generazioni non la considerano come una minaccia presente, le nuove generazione vogliono avere il diritto di credere che il loro tempo sia diverso, più onesto, che quei complotti rivelati appartengono ad un passato di cui loro e la loro classe politica non ha più niente a che vedere. Eppure la storia sembra proprio una galleria di quadri, moltissime copie, rari i pezzi unici.
Vediamo qualche esempio tra i più clamorosi dove i complottisti erano le Cassandre inascoltate.

1) L'incidente del Golfo di Tonchino: Siamo nel Golfo di Tonchino, 2 agosto 1964, il cacciatorpediniere USS Maddox durante una missione di spionaggio, mentre procede in acque internazionali, viene attaccato da tre torpediniere del Vietnam del Nord. C'è uno scontro a fuoco violentissimo, che si ripete due giorni dopo sempre per mano vientamita. 4 marinai del Vietnam del Nord vengono uccisi, mentre non ci sono vittime tra i marinai americani. Subito il Presidente Johnson fa approvare una risoluzione per un ulteriore intervento militare nel Vietnam del Nord, che stava rifornendo i combattenti del sud." L'altra notte il regime nord vietnamita ha sferrato un attacco contro i nostri vasselli...ho chiesto al Congresso una risoluzione per mantenere e proteggere la pace nel sud est Asiatico.", queste alcune delle parole di Johnson il 5 Agosto del 1964. Solo nel 2005 il "NSA" (Agenzia per la Sicurezza Internazionale), l'organo Governativo degli Stati Uniti ha rivelato che non vi erano navi vietnamite il giorno del presunto attacco. Tra l'altro il cacciatorpediniere Maddox non si trovava in acque internazionali ma in quelle vietnamite. E' accertato, inoltre, dal carteggio tra il presidente Johnson ed il segretario alla difesa McNamara, che l'incidente del 4 agosto fu da subito considerato un evento dubbio, sebbene nelle dichiarazioni ufficiali venne dato per certo allo scopo di condizionare l'opinione pubblica.  Un evento del tutto inventato per giustificare l'ampliamento del pantano bellico in Vietnam.

2) Studio sulla sifilide di Tuskegee: Omicidio medico di Stato camuffato da studio scientifico durato per ben 40 anni. Dal 1932 al 1972,  l'Istituto Sanitario Americano conduce esperimenti su pazienti afro-americani nello Stato dell'Alabama, sul decorso dalla Sifilide senza nessuno tipo di trattamento medico. Ben 600 afro-americani delle campagne dell'Alabama sono coinvolti in questi esperimenti, 399 hanno già contratto il virus prima che i test iniziassero, mentre i restanti 201 sono completamente sani. L'Istituto della Sanità non informa i pazienti della loro malattia, si limitano ad offrirgli un trattamento sanitario gratis da parte del Governo degli Stati Uniti. Anche dopo il 1947 quando la penicillina divenne la cura ufficiale, gli esperimenti continuarono senza soste. A queste 600 cavie veniva semplicemente detto che avevano un "sangue cattivo" e che quindi necessitavano questi trattamenti. 128 dei 399 contagiati iniziali muoiono entro il 1970, con il virus che era stato trasmesso anche ai membri della propria famiglia. Questa la dichiarazione di un Clinton imbarazzato nel 1997 davanti ai sopravvissuti degli esperimenti di Tuskeagee: " Quello che è stato fatto non può essere rimediato. Ma possiamo far cessare il silenzio. Possiamo smettere di voltarci dall'altra parte. Possiamo adesso guardarvi finalmente negli occhi e dirvi a nome di tutti gli americani che quello che ha fatto il Governo degli Stati Uniti è stato ignobile, e mi dispiace, per i nostri amici afro americani, mi dispiace che il Governo abbia orchestrato uno studio così palesemente razzista."

3) Progetto MKULTRA: Gli esperimenti segreti, da parte della CIA, per il controllo mentale della popolazione. Un progetto Governativo iniziato nel 1950 e conclusosi solo nel 1973. Organizzato dal dipartimento "Scientific Intelligence Division" della CIA. Le vittime venivano sottoposte a numerosi esperimenti per manipolare le funzioni mentali: somministrazioni forzate di droga (specie LSD), ipnosi, deprivazioni sensoriali, isolamento, abusi sessuali e verbali ed altre forme di tortura. Il progetto era "appaltato" ad oltre 80 istituzioni di facciata come scuole, prigioni, università, ospedali, compagnie farmaceutiche, con il contributo silenzioso ma costante della CIA. C'era da combattere il comunismo ed il blocco sovietico che sembrava adottare tecniche simili. Il MKULTRA doveva servire anche per modificare in qualche modo la coscienza dei Leader di altre Nazioni. Un lista delle metodologie nel 1955 includeva: sostanze per promuovere il pensiero illogico ed istintivo atto a discreditare il soggetto in pubblico, sostanze per aumentare gli effetti intossicanti dell'alcool, sostanze per danneggiare il cervello o far perdere la memoria, sostanze per procurare danni fisici come paralisi, anemie acute, sostanze per alterare la personalità di individui rendendoli dipendenti da altri soggetti, sostanze per diminuire le ambizioni e l'efficenza lavorativa. Nel 1953 circa il 6% del budget della CIA era destinato al MKULTRA, circa 10 milioni di dollari dell'epoca. Nel 1973 in piena tempesta del "Watergate" il Direttore della CIA Richard Helms ordina di distruggere i documenti riguardanti  l'MKULTRA. Viene cancellato il grosso della documentazione, eppure almeno 20000 file restano in circolazione solo perchè archiviati in sezioni differenti. Nell'estate del 1975, dopo lunghe ricerche, viene reso pubblico, grazie alla "Commissione Rockefeller ed alla " Commissione del Senato Statunitense" (organo per esaminare le operazioni governative legate alle attività della CIA e dell' FBI). Nell'Agosto del 1977 il senatore Ted Kennedy dichiara al Senato Americano: " Il Vice-Direttore della CIA ha rivelato che oltre 30 università ed istituzioni erano coinvolte in esperimenti segreti con droghe su cittadini inconsapevoli, ad ogni livello sociale, alto o basso, locale o estero." Gruppi Farmaceutici come la "Sandoz" (oggi Novartis), 12 ospedali, 3 prigioni, tutte dentro nel calderone criminale del Progetto MKULTRA.

4) Operazione Northwoods:  Nella buon vecchia tradizione americana del "se non c'è un nemico, crealo." Questo piano fu creato da alcuni alti funzionari della Difesa Statunitense, nel 1962, per indurre la popolazione americana a sostenere un eventuale attacco sul territorio cubano. Il piano non fu mai messo in atto, anche per la contrarietà dell'allora Presidente USA J.F. Kennedy. Era un vero e proprio memorandum di attacchi simulati: "Sarà pianificata una serie di incidenti ben coordinati a Guantanamo" e ancora sotto la voce "Ipotesi di incidente per rendere credibile un attacco" si legge: "Diffondere molte voci usando una radio clandestina, simulare la cattura di sabotatori cubani nella base, creare disordini ai cancelli della base utilizzando forze alleate cubane, far esplodere munizioni e accendere fuochi nella base, incendiare un aereo sulle piste (sabotaggio), catturare squadre d'assalto in avvicinamento dal mare a Guantanamo City o nelle vicinanze, sabotare una nave nel porto con fiamme e incendi". Le menti americane si erano davvero sbizzarrite su tutte le possibile simulazioni per poi scatenare l'inferno a Cuba. Si legge ancora: " Potrebbe essere avviata una campagna terroristica di matrice comunista cubana nella zona di Miami, in altre città della Florida o addirittura a Washington. La campagna potrebbe mirare ai rifugiati negli Stati Uniti. Potremmo affondare una barca di cubani in rotta verso la Florida, nella realtà o con una simulazione. Potrebbe essere simulata ostilità di matrice cubana e castrista nei confronti di una vicina nazione caraibica, sull'esempio dell'invasione del 14 giugno della Repubblica Dominicana. Sappiamo che Castro al momento sovvenziona attività sovversive nei confronti di Haiti, della Repubblica Dominicana, del Guatemala e del Nicaragua e forse di altri stati. L'uso di caccia di produzione sovietica pilotati da aviatori americani potrebbe fornire ulteriori provocazioni. È possibile provocare un incidente che dimostri in modo convincente che un aereo cubano abbia attaccato e abbattuto un velivolo charter civile in volo dagli Stati Uniti verso Giamaica, il Guatemala, Panama o il Venezuela. Un aereo della base aerea di Eglin AFB verrebbe riveniciato e rinumerato come un duplicato esatto di un aereo civile, di proprietà di una organizzazione facente capo alla CIA nell'area di Miami. Al momento previsto, il duplicato sostituirebbe l'aereo originale e vi sarebbero imbarcati i passeggeri prescelti, tutti con identità opportunamente preparate. L'aereo originale verrebbe sostituito da un velivolo radiocomandato." Un piano dettagliato per uccidere civili innocenti, solo in questo modo Castro poteva essere vinto. John F. Kennedy rigettò questo progetto che senza una documentazione adeguata sembrerebbe provenire dalla mente di  qualche regista di Hollywood. Numerosi alti funzionari della CIA furono rimossi dai loro incarichi dopo che il Progetto Northwoods fu cancellato.

5) CIA e il Traffico di Droga: Durante gli anni '80 in Nicaragua c'erano gruppi controrivoluzionari, i Contras,  questi combattevano il Governa Sandinista, insediatosi nel 1979. Nel 1996 il Premio Pullizer Gary Webb pubblicò un'inchiesta  denominata "Dark Alliance" dove si dimostrava come i Contras si autofinanziavano con il traffico di droga con l'appoggio fondamentale della CIA. L'apice di queste operazioni "sporche" avvenne sotto l'amministrazione Reagan, tramite il denaro racimolato dalla vendita delle armi all'Iran, in quel periodo in guerra con l'Iraq (il famoso Irangate). Quando questo denaro non fu più sufficiente, i governi Reagan e Bush ricorsero anche a finanziamenti privati, all'aiuto di aziende e fondazioni, nonché a operazioni finanziarie illegali. La CIA organizzò missioni militari dirette sul suolo nicaraguense, mentre i sovietici allestivano rifornimenti attraverso l'Honduras, tra cui il petrolio, diretti ai sandinisti. Nel novembre del 1987 una commissione d'inchiesta presieduta dall'ex senatore John Tower emise una dura condanna all'operato del presidente Reagan, non provando con certezza la conoscenza da parte sua dei finanziamenti illegali ai Contras, ma dichiarando che aveva tollerato una situazione di aperta illegalità. L'autore dell'inchiesta "Dark Alliance", Gary Webb fu trovato morto nel Dicembre del 2004, con due colpi di fucile in testa, le autorità classificarono la sua morte come suicidio. Pochi giorni prima di morire Gary aveva confessato ad alcuni amici d'aver ricevuto minacce di morte e d'essere convinto di venire pedinato. Un suicida che si spara per due volte, caso unico e tutt'oggi non ancora spiegato.

6) Operazione Mockingbird:  Ancora la CIA protagonista, ma stavolta nel tentativo, piuttosto riuscito, di controllo dei MEDIA e conseguente propaganda sopratutto anti-comunista e sovversiva nei confronti di politiche e politici stranieri. Il programma nel 1953, viene supervisionato da Allen Dulles, direttore della CIA e già la lista dei MEDIA "drogati" dal plagio dell'organizzazione governativa si fa interessante: New York Times, Newsweek and CBS, TIME, Washington Post, Washington Star, Miami News, Christian Science Monitor con rapporti preparati dalla CIA per reporter più o meno inconsapevoli, circa 3000 "dipendenti" pagati per fare propaganda anti-comunista o per screditare qualche personaggio scomodo. L'opinione pubblica andava condizionata, controllata, guidata verso nemici immaginari, sempre pronti a colpire gli Stati Uniti, il tutto per giustificare le politiche sovversive della CIA, per stabilire a casa come all'estero una fitta rete di Nazioni satellite favorevoli alle ideologie sociali ed economiche americane. Quale arma migliore se non la paura, quale trucco migliore se non un nemico sempre pronto a colpire, quale piano migliore quello di corrompere e mettere migliaia di pedine nei gangli vitali dell'informazione americana.

7) COINTELPRO: Anche l'FBI voleva il suo spazio sul palcoscenico dei complotti, poi divenuti crude verità. Il "Counter Intelligence Pro" era un programma di controspionaggio ideato dall'FBI, attivo ufficilamente tra il 1956 ed il 1971. Scopo principale era quello di screditare e rendere inoffensivi tutti quei movimenti per i diritti civili, di sinistra ma a volte anche di destra e afroamericani, tra cui Martin Luther King. Lo scopo dichiarato era quello di prevenire episodi di violenza per mantenere l'ordine sociale e politico nella società.
Tra i gruppi messi nel mirino dell'FBI troviamo: organizzazioni comuniste e socialiste, Martin Luther King, gruppo nazionalisti afro, il Moviemento degli Indiani d'America, il Ku Klux Klan, il Movimento per i Diritti delle Donne, quello dei Nazionalisti Cubani. Nel 1968, per esempio, si doveva inmpedire che il Movimento Nazionalista per i neri d'America guadagnasse rispettabilità. Il giochino funzionò fino al 1971 quando una Commissione di Cittadini che investigava sull'FBI, letteralmente svaligiò alcuni uffici in Pennsylvania, recuperando documenti chiave da consegnare ai MEDIA che dopo un primo rifiuto diffusero la notizia. Agenti infiltrati, spionaggio, minaccie ed anche omicidi (come Fred Hampton Portavoce del Movimento delle Pantere Nere), tutto autorizzato per mantenere l'ordine nel Paese. 

8) Operazione Mainway: Forse una delle più recenti "conspirazioni" svelate all'opinione pubblica americana e mondiale come l'ennesima intrusione non autorizzata del Governo nella vita dei cittadini. Il "Mainway" è una database creato dal NSA (National Security Agency) con miliardi di dati sensibili di inconsapevoli utenti. Le principali compagnie telefoniche coinvolte sono anche le più importanti del paese: "AT&T"- SBC - BellSouth - Verizon - . Quasi 2 mila miliardi di conversazioni telefoniche registrate in maniera dettagliata. Questa operazione è precedente agli attacchi del 2001 alle Torri Gemelle, addirittura 7 mesi prima,  continuando ininterrottamente con innumerevoli cause legali ancora in corso. L' "NSA" ha continuato, difatti, nelle sua manovre di spionaggio della popolazione. Nel 2013 Edward Snowden, informatico statunitense ed ex tecnico della CIA, ha iniziato a mettere a disposizione di alcuni giornalisti documenti riservati su tutte le azioni di spionaggio ed intercettazioni da parte del NSA con una rete di collaborazioni in diverse parti del mondo. Sia il "Washington Post" che il "The Guardian" hanno reso pubblici questi programmi di sorveglianza di massa: PRISM, Xkeyscore e Tempora. I Paesi coinvolti sono Australia, Canada, Nuova Zelanda, Regno Unito e Stati Uniti. Tutti spiati: privati cittadini, istituzioni, paesi membri della NATO. Come confermato dal direttore dell'NSA Keith Alexander,  il 26 settembre 2013, ad esempio, l'NSA raccoglie e custodisce sistematicamente informazioni sui tabulati telefonici di tutti i cittadini statunitensi; nonostante il presidente Obama e lo stesso Alexander durante i mesi precedenti avessero più volte negato l'esistenza di un qualsiasi tipo di spionaggio domestico. L'enorme quantità di dati raccolti sono conservati in impianti di stoccaggio di grandi dimensioni, come lo Utah Data Center, una struttura di oltre un milione di metri quadri dal costo stimato di 1,5 miliardi di dollari. Sono stati spiati anche capi di stato o di governo, tra cui Dilma Rousseff (Brasile), Felipe Calderon(Messico) e in particolare, l'agenzia avrebbe intercettato i telefoni personali di 35 leader politici stranieri, tra cui il cellulare privato di Angela Merkel. Traballanti ed incerte le rassicurazioni di Obama, che si limita a ripetere che il popolo americano non è sorvegliato. Mentre altri politici, come W. Hague Ministro Inglese, difende l'operato britannico come un equilibrio tra i dati di milioni di utenti e la sicurezza del Paese.

Che cosa dire d'altronde dei tanto chiaccherati "TTP" o "TISA" o "TTIP" di cui abbiamo già parlato in un precedente articolo. Trattati commerciali per la prosperità dei Paesi aderenti, un'incredibile collezione di benefici per tutti. Fino ai documenti trafugati da "Wikileaks" dove vengono esposte le reali finalità di questi trattati per controllare i brevetti, privatizzare servizi fino ad oggi pubblici, regolamentare i prodotti alimentari a favore delle Multinazionali senza più tutele per la salute dei cittadini e per l'ambiente. Rivelazioni che (guardacaso) i giornali sono restii a pubblicare. Senza considerare la forma segreta che questi trattati continuano a mantenere, nonostante le dichiarazioni di una maggiore trasparenza. Castelli di sabbia, niente di vero, informazioni che non vanno al di la della banale retorica superficiale e non esaustiva.

Magari tra 50 anni le generazioni future scopriranno ulteriori archivi, documenti nascosti che proveranno indiscutibilmente il lavoro sporco del Governo Americano sugli attentati delle Torri Gemelle, che continuano a rimanere uno evento epocale ancora irrisolto, con mille domande e tante mezze risposte.Sicuramente la storia ha parlato e continua a parlare: aerei fantasma sostituiti con quelli originali nei progetti per attaccare Cuba, l'ossessione di controllare e manipolare l'opinione pubblica, la droga come mezzo di scambio e di favori, il sabotaggio, tutto già successo e sperimentato. L'opinione pubblica facilmente influenzabile, spesso travolta da un sensazionalismo da quattro soldi, che non vuole ascoltare il passato, giudicato a torto lontano ed inutile. Eppure come si ripete nel libro di Orwell -1984-  (leggendario e profetico) "la menzogna diventa verità e passa alla storia...Chi controlla il passato controlla il futuro: chi controlla il presente controlla il passato."
Solo la conoscenza vi renderà liberi e vi sconvolgerà spesso in egual misura.....maremmacinghialaaaaaaaaaaaa




Condividi

No comments:

Post a Comment

Post a Comment