Monday, September 15, 2014

Dewey & Culture, Rocker & Anarchy, Ferguson & Politics, Lippmann & Information, Morgenthau & Power, Chang & Capitalism, Pollin & Economy, Davidson & African Lies. Build your own knowledge. Ignorance is the venom


Inform doesn't mean indoctrinate someone, doesn't mean only to show the side of the coin that  is more convenient to us. Education doesn't mean imposing a thought, but rather stimulate the mind to a flexible growth, elastic and variegated. It means helping in the journey, encourage, diversify the proposals and themas, making the mind like a plant with continuous shoots and fruits, not a vessel to be filled with notions soulless.  
The information, including the independent one, is often filled with errors, articles "copy and paste" is often not verified  by those who wrote it and neither by who report the news from different websites, passed off as absolute truth. The Internet is an almost inexhaustible supply of news, articles, statistics, interviews, data, surveys, you can find everything but the opposite of everything too. Who writes on this blog love the information in its authenticity, without brush of ideology between the lines, without compromise, at least here.

If the car that we use for years continues to break down, losing pieces, leaving us strended, with costly bills at the mechanic, we must consider the idea of ​​changing it. This does not mean that we are against the car, but it is to make a logical argument that goes to our advantage. Similarly, the economic, political and social system is like a machine that decades ago had promised amazing progress, the elimination of poverty, narrowing the gaps between rich and poor countries, the success of the free market, globalization, protectionism, the production line vs the local artisan, growth without limits vs the conservation of resources, a wellness continuous as a rain, without exception. This system, this machine is showing the limits of its promises, losing pieces, is routinely repaired to make a few more miles, because his supporters continue to make rivers of money. They do not want change, they do not want the welfare of all, but only of their Elite, and those related to those elite, an army of followers, in a spiral of power and privilege.
We could say that the West has become rich and prosperous because it lived on the shoulders of developing countries, which were once colonies: raw materials, spices, gold, diamonds, oil, have been largely taken from South America , Africa, Asia and the Middle East and redistributed in Europe and North America.
The story has an endless collection of studies by scientists, economists, philosophers who had already predicted the failure of this system. They had done this in difficult times, when the free market, privatization was at the peak of a development that would be revealed later with feet of clay.

This article will show some of these scholars who had studied why this system could not work. There would be many, many more, but the intent is not to make a list, but to stimulate the reader to deepen these studies, sorting through the pages of history, where everything is already written, diagnosed and expected. A present without memory is intended for an increasingly uncertain
and devastating future .

On the concept of "education" we find John Dewey (1859-1952), represented in the authoritative branch of the US pedagogy and philosophy, according to him the experiences are not imposed by the teacher, but arise from the natural interests of the students and the task of the educator is to accommodate these interests to develop through their sense of sociality.

Teaching, according to Dewey, must be dictated by a process of continuous evolution, each term should lead to the next, in a steady growth, a free movement. Is there an inherent continuity in educating, or rather there is a series of acts aggregates with each other? Often we are studying on finished topic, targetless. It is not real growth, a step that leads to the next step, but a series of concepts for their own sake, something imposed by teachers. A system of thought that we will be bringing over in the society. Those who teach should understand this: we must develop a
quality mental process , not the right answer. Every great advance in science has come from alternative thoughts, out of the classical canons of the established theories. A farmer plans its harvest in accordance with the surrounding nature, each season can be different depending on the external variables: sun, wind, rain, pests, soil. Must understand and predict, and so should do a teacher, every day, every step, every student is different and this requires a fit for their needs.   
What the teacher suggests is not the result of his choices, but of a superior system that decides which texts adopted, which method developed for the students, even if it is less than desirable. It creates a conflict. As if the an external authorities impose to the farmer to plant potatoes in a most suitable soil for tomatoes, or sow at this time even if it was less suitable for planting.

For this reason, Dewey points out: a good democracy is the one that stimulates and promotes independent
and active thinking . Otherwise, it drift toward a single thought, a single color that looks like an indoctrination. A dictatorship of the majority that does not discuss but should impose its system. The individuality is annihilated to make way for mass, a group that has to make up the numbers, without too many questions. Aristocracy is a form of government in the hands of a few, considered "The top ones", controlling the State on the behalf of the community. The oligarchy is its degenerate form, where those "Top ones" still impose the power but for their personal profit. According to Aristotle: "those few exercise power improperly, or because they do not have the right or they do it in violation of the laws or, finally, as the exercise to favor special interests at the expense of the community." Returning to the present day, and considering, for example, the power of the "democracy" in a referendum, often not respected. Or a policy increasingly mired in corruption, or investing in armaments and not in education, we can refer to the reality around us as still democratic?

If we analyze the complexity of the dominant system we cannot speak of the writer, thinker and activist Rudolf Rocker (1873-1958), an authoritative exponent of anarchist thought.  

This thinking model, today trivially dumbed down as a group of violent that don't want any kind of authority, would deserve a separate article.  
Already in the beginning of his book "Anarcho-Syndicalism" Rocker defines anarchy as the abolition of all the economic monopolies and of all political and social institutions that impose themselves in the society. People often forget that industries not ends in themselves, but should only be a means to secure to every man his natural subsistence, allowing him to advance culturally. An economy without rules begins when the work represent the "whole" and the person  the "nothing". The rhythms of nature are  forced into those monotonous and repetitive assembly line. The huge military expenditures that each government imposes on its citizens together with the war debts, are the price of the supposed protection from the State to the people. Rocker's is dates 1947 but it could  have been written by any opponent of the free market of today. The power of the state, the author continues, is nothing more than a grotesque caricature of the present society.  
Anarchy would like abolish this form of government with its authoritarian principles, like governmental guardian, where under the excuse of forming a more civil and moral man makes him, in reality, a slave, inevitably oppressed and exploited. The role of the people, continues Rocker, is now to ratify the decisions taken in other rooms, to adopt doctrines prepared elsewhere by their "superiors", passively observing the changes of society. The Social Revolution, the formation of a people finally master of his own choices is the ultimate goal. Rocker, as the majority of anarchists, was not a communist. Both communism and fascism were seen as extreme forms of politics, to be avoided.  
Capitalism is also seen by the author, as the desire to subjugated millions of individuals  to a force that pushes governments and empires towards goals that will foster a narrow circle of people. The modern Capitalism is limitless, it can move with cold selfishness to somes and embody the "providence" for others. The technical and scientific skills have progressed considerably, but the mass was not enhanced, rather the opposite.  
To maintain this apparatus many technological advances have served to eliminate the neighbour, creating masses of killers in uniform, where bureaucracies are soulless tyrants, where from the cradle to the grave we are oppressed by police States, where the land is filled with cells and prisons, informers and spies. The growing technology used up against the human personality and the submission to a fate in which the majority surrenders, is the reason why the desire for freedom is less alive today among men, replaced by that of economic security. Anarchism is not the perfect license for all social problems, it is not the utopia of absolute order, does not believe in perfection or in a final goal for the population. Rather an unlimited improvement  of the social order. Anarchism recognizes the relativity of every idea, every institution and every social class. Even freedom is not an abstract philosophical concept, but the vital concrete possibility for every individual to develop his skills and talent which nature has endowed, and to put these gifts for the betterment of society. A society with less interference by governments or religions, and more efficient and harmonious human personality will become for the benefit of the individual and the community.  
It looks like the thoughts of a "Gandhi"  rather than an anarchist, perhaps because our vision of anarchy is distorted.

A precise analysis of the dynamics of the Political Parties and their ultimate goals is presented by Professor Thomas Ferguson (1949-), political scientist, author and journalist of economic and political issues

In his most interesting work "Investment Theory of Party Competition" is analyzed in detail how the Business Elite Establishments influence and direct the choices of political parties not the voters.  
Given to the high costs that are used to drive a political system, hardly unattainable for ordinary voters,   the groups of business  are the ones shaping the policies, where the different political coalitions  represent the investors in the game, not the voters, this is the core of the theory of Ferguson.  
Who gives money to the various parties has its own reasons of investment and therefore control of the State. Investors are divided by their final scope, just as political coalitions: there are the ones to make profits in the  employment sector, those in the capital investment, those for the free market, those who support protectionism, the biggest investor is rarely a union, was the case in the creation of the British Labour Party, for example. Political parties are the arms in the action of the control groups that move in the rear.  
To not upset anyone, after a certain number of years happens, according to Ferguson, a "Realignment" , usually due to some event of public resonance: a violent crisis, a war, a scandal. This sort of "turning point" enables powers to reshuffle the cards, to change the political puppets at the top, in order to give citizens a sense of renewal and justice.  
To earn the trust of the citizens, their votes and then the victory for the Lobby behind the political of the moment, you have to talk about abortion, rights for homosexual, war, so as to ensure the victory of dominant groups, the end justifies the means, and the end is profit and power.

Other influential thinker, writer, political commentator and journalist Walter Lippmann (1889-1974), who first coined the term "Cold War" and winner of two Pulitzer Prizes.  

For Lippmann the figure of the journalist was like a mediator between the groups in power and the people. The latter could not understand the dynamics of the policy, then the journalist acted as a "filter" to simplify these issues for the public. This hierarchical idea clashed with  John Dewey egalitarian vision of the information: the more the news was shared the more you can spread the democracies and the free debate.  
Lippmann, famous for his interview with Khrushchev in 1958 and in 1961, it never bent to sensationalism and towards the tastes of the mass public, but trying to remain separated by them: an observer talking about the facts. His most important book is "Public Opinion" of 1922, where we compare the relationship between the world and its events and the ability of citizens to understand them fully. Lippmann set out to understand and study the influence of the stereotype  and the mechanisms for the formation of this phenomenon. According to Lippmann the social stereotype is a distorted and simplified view of social reality: the stereotype, he adds, is constituted by mental images created to simplify the reality and to make it understandable to the masses.  
Those who know and understand the reality and its events often tend to manipulate them, creating a semblance of that same reality that can be easily assimilated by the people. The authentic aims are  hidden to most. Here propaganda got its best soil to grow, according to Lippmann, propaganda could not exist without some form of censorship, a barrier between the event itself and what is being said and filtered to the public. (To underline Lippmann opposition to the Vietnam War)  
But the blame for this system is not in the censorship itself, but in a sort of resignation, anemia, a lack of hunger by news from public opinion, which would have the means to access a deeper Acquaintances (he says Lippmann in 1922 now with the Internet should be even easier).  
"With a dollar will not even buy a candy, but people pretend to be informed buying newspapers still cheaper."  
The news are editorial choices, seeds sown to the citizens to create some public opinion, says the author. In the modern world where the word "Leader" is often associated with total inadequate persons, Lippmann explains his idea: "The basic evidence  to value a leader is that he leaves after him  other men with the same the conviction and  will to continue his work." The present history is pretty far from the idea that describes Lippmann. Politics is more like a race to the sensationalism, helpful interventions  to gain some votes, without a real desire to embark on a path of progress for all.

Lippmann concludes with a jab to the Democracies, "When all think alike, no one thinks very much."  


One of the most prestigious figures of the twentieth in studies of "international policies" was, without a doubt, Hans Morgenthau (1904-1980), for two times Adviser to the State Departmentunder President Kennedy and under Johnson. His views against the war in Vietnam saw him dismissed from his assignment. His thinking is focused on the relations of power  between Nation, as it develops, what are its consequences and how it is interpreted by the population.  
His most important work, which is considered a pillar in the branch of international politics is titled "Politics Among Nations".

For the scholar the struggle for power is universal in time and space, and this is at an undeniable
empirical level.It's impossible denying that over the centuries, regardless of the economic, social and political condition, the Nations have always met in relation for power.   
International politics, like any kind of politics, is a struggle for power. States' actions cannot consider moral principles.  
His vision is part of the Realistic School  , indeed, according to some he would be the founder. The human nature cannot change, international politics are guided by strict laws and those who do not adapt will suffer the consequences. A Machiavellian vision , very Hobbesian, where humanity is essentially competitive and selfish, his famous phrase "Homo Homini Lupus" - every man is wolf to another man.  
The presents facts can just confirm that this line of thinking. Disagree with Morgenthau means not understanding the world political situation, still believing that those who face proxy wars is doing it in the name of some noble cause. Today as never before we are faced  a indiscriminately struggle for power, a sort of revival of the "cold war" between the USA and Russia, but with new co-stars such as China and Middle Eastern countries. The logic of conquest are dominant on the logic of peace and stability. Are we really still masters of our fate?

To get a more detailed picture of the current situation worldwide, we must consider the shape of  Ha Joon Chang (1963 -), a leading economist and Professor at the University of Cambridge. Chang has been a consultant to the World Bank, the Asian Development Bank and Oxfam.  

His thinking is a frontal attack to neoliberalism world, to the policies to reduce or completely cancel the custom tariffs in the developing world countries, and the new arrangements for the free market promoted by the WTO (World Trade Organization). From an article on "Le Monde Diplomatique" in 2003:  
The paradox is that the same countries, now industrialized, that promote the free market, at the time of their economic development, rarely used those rules, which nowadays are impose to the developing countries . This is  the core of Chang idea, who goes into more detail. The England of the fourteenth and fifteenth centuries had merely protectionist policies, especially for the production of raw wool, to discourage exports. The same procedure was adopted between 1721 and 1846 with new trade agreements on the "Law of Grain." Protective tariffs, export subsidies, import tariffs on refunds of revenue generated by exports. During that time the  rate of British protectionism was one of the heaviest in Europe. When in 1846 the "Law of Grain" was repealed, England moved toward a free market, to favor the landed aristocracy and initiate a sort of "imperialism of free trade." Trade liberalization has been the cause rather than the result of economic development.  
From this position of global domination,  for the British Empire impose the free market was a natural step. The country had reached the summit of power with protectionism and now throw away the ladder that had helped him in his rise, promoting the free market.  
Always Chang points out that between 1830 and the Second World War the United States has adopted the highest average of protectionist tariffs in the manufacturing sector in the world.  
Only after the end of World War II the US economic policies  turned to the free market. As reported by Chang in his long article, the 18th President of the United States, Ulysses S. Grant, who led the country from 1869 to 1877, one of the main architects of the Unionist victory in the American Civil War, said: "For centuries England has could rely on protectionism, obtaining satisfactory results. there is no doubt that this past system  is the reason for its present strength. now after two centuries of protectionism, the country is adopting the free market, more useful to its current needs. Very well, so will the America do the same within 200 years old, coming from protectionism and promoting free trade." 
For the "positivists" of Neo-liberalism and Globalization who point out  the stunning growth of the last 20 years economies in the world , Chang responds with some numbers: "The world economy is growing more in the 60s and 70s of the last century, about 3%, versus 2% of the last 20 years of  "stunning" budget. considering the growth per capita in the developed countries we are witnessing a decline from 3.2% to 2.2%, the same goes for the developing countries from 3% to 1.5%. numbers that include the dizzying rise of India and China, otherwise these rates would be even more miserable. Neoliberal experiment has failed in its promises of wealth, sacrificing equality and the environment. " 
But how is it possible that this model is still the better promoted economic recipe, supported by the industrialized countries and the world's most influential economic organizations? Chang responds that the "whole" is supported by an economic-political-ideological system that can only be compared with the power that  the Church had in the Middle Ages in Europe.  
The 'influence of the major international bodies such as the World Bank, IMF, WTO, which they exercise over the media (to misinform) and on the political agendas of the USA, the UK and the major industrialized countries, is predominant. Those who work   in the developing world countries, for these organizations has excellent salaries, their silence and their complicity is simply paid a good wage.  
According to Chang the only trade agreements that can achieve good results, are those whose bring together countries with similar levels of development (such as Mercosur), not agreements that force countries economically  different in the same way of market. This is what imposes the WTO, for example, weakening and marginalizing the developing countries, in favor of the powers that are the Multinationals and planetary oligarchies.

Similar ideas also for Robert Pollin (1950-), American economist, co-director of PERI (Political Economy Research Institute). In a 2010 article, "The Wall Street Collapse and Return of Reality-Based Economics", is pointed out that the financial deregulation, encouraged by governments to growth and stability, has produced bad outcomes. The measures, in early 2000, to cancel the "Glass-Steagall", a rule to control and limit the affairs of banks and financial institutions, created after the collapse of the American stock market in '29, along with measures by Clinton administration with the "Financial Service Modernization Act," has actually gave free rein to an uncontrolled market, fruitful seed of the crisis that still stands in the world system. Pollin recalls how the financial crisis of 2007-08 is not isolated fact in the American landscape but rather a peculiar characteristic: the market crisis of 1997, the speculative bubble of the 1999/01, a sort of cyclical crisis that hits the markets and more over the citizens. Certainly not for the big institutions: Goldman Sachs, Citibank, JP Morgan and  few others, always saved by injections of public money from the Federal Reseve Bank (FRB). One of his pupils, Alan Greenspan, who served as President from 1987 to 2006, is the main author of this deregulation wild. There are three important figures in support of Neoliberalism, Robert Lucas, Friedrich Hayek and Milton Friedman, each with its awards and economic degrees. Hayek argued that the socialist economies were doomed to fail because they offered no decision-making power to the people to freely choose and inquire about financial options, but actually limited the radius. His fame grew with the collapse of the Soviet bloc Socialist-1989 The paradox of his thought, according to Pollin and Cassidy (another scholar and author of the book "How Market fails: the logic of economic calamities"), is the utopia that the free market will provide full information to the citizen, that does not explain, for example, in the collapse of the subprime 2006/07, which has seen many taxpayers losing their homes or
savings life. So the information was there, but completely distorted from reality.  
Pollin defines neoliberalism, with all its "axioms" a mere utopia.
  
In the process of information nothing should be taken for granted. The international mosaic is  artificially mixed up to not get a semblance of truth. Africa chapter  is one of those fundamental pieces to understand how the education system is full of loopholes, as the photograph of a continent has now become an irrefutable axiom. You do not have to understand, but digest that notion

Basil Davidson (1914-2010) was one of the top British expert and scholars of the planet Africa. He contributed with his studies and his documentaries to an image of the continent cleared of stereotypes and false visions. He pointed the finger to an economic system that has reduced Africa in a perpetual emergency.

In his studies (fundamental is "The Black Man's Burden: African and the curse of National-State") Davison shows how this vast territory has always been  under the yoke of the "conquistadores" Europeans. A human and financial colonialism that has never allowed the native people to be masters of their own destiny, but it has always imposed a
"westernized " model of development.

The history of Africa seems to begin with the arrival of the white man, "before" there are no records.

Basically, the model of the "nation-state" has recent origin, can be placed after the French Revolution (1789), when France became the first European Nation. It was taken for granted by the Government to apply this formula also in the process of decolonization of Africa. The proposed alternative as a Federation of States, without tearing off the differences but making them a treasure, were ignored. The idea of ​​the nation, for Davidson, he simply tightened up the wealth for the elite in power, not the prosperity for the community. Africa has great examples of past civilizations that have created wellness for its people, such as the Ashanti Empire in the west of the continent, in the area of the present Ghana. An empire built in the seventeenth century, with its own bureaucracy, a thriving economy, civil rules, elections,
functional transportation , all swept away by the "colonial progress." Or as the Yoruba society, even older, almost a mythical era if compared with the disasters nowadays. There were several movements to fight for the liberation of Mozambique, Guinea Bissau, Angola, all regularly frustrated by the USA and the Soviet Union. The point of no return for the African peoples were summarily decisions, especially by the British, on the creation of boundaries that have torn identity or fueled conflicts up to the present day.  
Davidson concludes on: "Modernizing reforms in West Africa in the late nineteenth century were similar to those implemented by Japan during the same period, the potential for development was essentially no different from the potential created by the Japanese in 1867"

The world is respecting the agreements on the environment?

The war is a faraway memory?

The interests of the strongest Nations are for renewable energy or for the value of a single human life?


How many people live on less than $ 2 per day, why the rich are getting richer, the middle class must act like stunts and the poor are getting poorer?

The work is still  professional
growing or subtle blackmail?

The new millionaires of globalization are sustainable or are not aware of the damage of their businesses?

Each question has its answer, is our common interest to be curious, inquiring, do not leave it to others the right to answer on our behalf. For now the cries of fools are winning, perhaps because who is right remains in a doubtful silence. Resistance always. Ignorance kills more than a gun. Maremmcinghialaaaaaaaaaaaaaaa

Monday, July 14, 2014

La Storia insegna: Neoliberismo, Educazione, Finanza, Anarchismo, Africa Coloniale. Da Dewey, a Rocker, fino a Davidson. Pensatori Indipendenti ed i vuoti culturali del Sistema


 Informare non significa indottrinare qualcuno, non significa mostrare solo il lato della medaglia che più ci piace. Educare non significa imporre delle idee, ma piuttosto stimolare la mente ad una crescita flessibile, variegata, elastica. Significa aiutare nel cammino, invogliare, diversificare le proposte e le tematiche, rendendo la mente come una pianta con continui germogli e frutti, non un vaso da riempire con nozioni senz'anima.
L'informazione, anche quella indipendente, è sovente farcita da errori, articoli "copia e incolla" spesso non verificati ne da chi li scrive ne da chi li riporta sui vari siti, spacciati come verità assoluta. Internet è una fonte pressoche inesauribile di notizie, articoli, statistiche, interviste, dati, sondaggi, ci si può trovare tutto ma anche il contrario di tutto. Chi scrive su questo blog ama l'informazione nella sua autenticità, senza spennellate di ideologia tra le righe, senza compromessi, almeno qui.
Se l'auto che usiamo da anni continua a rompersi, a perdere pezzi, a lasciarci a piedi, a costarci conti salati dal meccanico, dobbiamo considerare l'idea di cambiarla. Questo non vuol dire che siamo contro ogni auto, ma vuol dire fare un ragionamento logico che va a nostro vantaggio. Analogamente il sistema economico, politico e sociale è come una macchina che decenni fa aveva promesso mirabolanti progressi, l'eliminazione della povertà, la riduzione dei divari tra paesi ricchi e poveri, il successo del libero mercato, della globalizzazione sul protezionismo, della catena di montaggio sull'artigiano locale, della crescita senza limiti sulla conservazione delle risorse, di un benessere a pioggia, nessuno escluso. Questo sistema, questa macchina, sta dimostrando i limiti delle sue promesse, perde pezzi, viene quotidianamente riparata per fare ancora qualche km, perchè i suoi sostenitori continuano a farci soldi a palate. Non vogliono il cambiamento, non vogliono il benessere di tutti, ma solo della loro Elite, e di quelli legati a quell'elite, un esercito di adepti, in una spirale di potere e privilegi.
Potremmo affermare che l'occidente è divenuto ricco e prospero perchè ha vissuto sulle spalle dei paesi in via di sviluppo, che un tempo erano le colonie: materie prime, spezie, oro e diamanti, petrolio, sono state in gran parte prelevate da Sud America, Africa, Asia e Medio Oriente e ridistribuiti in Europa prima e nell'America del Nord poi.
La storia ha una collezione interminabile di studi di scienziati, di economisti, di filosofi che avevano già pronosticato il fallimento di questo sistema. Lo avevano fatto in tempi non sospetti, quando il libero mercato, la privatizzazione erano all'apice di uno sviluppo che si sarebbe rivelato poi dai piedi d'argilla.
Questo articolo vuole mostrare alcuni di questi studiosi che avevano studiato perchè questo sistema non poteva funzionare. Ce ne sarebbero molti e molti altri ancora, ma l'intento non è quello di fare un elenco, ma di stimolare chi legge ad approfondire questi studi, a sfogliare le pagine della storia dove è già tutto scritto, diagnosticato e previsto. Un presente senza memoria è destinato ad un futuro sempre più incerto e devastante.

Sul concetto di educazione troviamo John Dewey (1859-1952), autorevole rappresentate nel ramo della pedagogia e filosofia Statunitense, secondo cui le esperienze non vengono imposte dall'insegnante, ma nascono dagli interessi naturali degli alunni ed il compito dell'educatore è quello di assecondare tali interessi per sviluppare attraverso essi il senso della socialità.
L'insegnamento, secondo Dewey, deve essere dettato da un processo di continua evoluzione, ogni  nozione dovrebbe condurre alla successiva, in una crescita costante, un movimento libero. Esiste un'intrinseca continuità nell'educare, o vi è piuttosto una serie di atti aggregati gli uni con gli altri? Sovente ci troviamo a studiare delle scatole chiuse, dei traguardi finiti. Non è una crescita reale, un passo che spinge al seguente passo, ma una serie di nozioni fini a se stesse, qualcosa di imposto dagli insegnanti. Un sistema di pensiero che ci porteremo nella società. Chi insegna dovrebbe comprendere questo: bisogna sviluppare un processo mentale qualitativo, non la risposta giusta. Ogni grande progresso nelle scienze è arrivato da pensieri alternativi, fuori dai canoni classici delle teorie prestabilite. Un contadino pianifica le sue attività in accordo con la natura circostante, ogni stagione può essere diversa a seconda delle variabili esterne: sole, vento, pioggia, parassiti, terreno. Deve comprendere e prevedere, e così dovrebbe fare un maestro, ogni giorno, ogni passo, ogni alunno è diverso e questo richiede un adattarsi alle sue esigenze.
Quello che l'insegnante propone non è frutto delle sue scelte, ma di un sistema superiore che decide quali testi adottare, quale metodo sviluppare per gli studenti, anche se è quello meno opportuno. Si viene a creare un conflitto. Come se delle autorità esterne imponessero al contadino di piantare patate in un terreno più adatto per i pomodori, o seminare in quel periodo anche se fosse il meno adatto per la semina.
Per questo, sottolinea Dewey, una buona Democrazia è quella che stimola e promuove pensieri indipendenti, attivi. Altrimenti si rischia una deriva nel pensiero unico, un monocolore che sà molto di indottrinamento. Una dittatura della maggioranza che non discute ma deve imporre il suo sistema. L'individualità viene annichilità per far posto alla massa, ad un gruppo che deve far numero, senza troppe domande. L'Aristocrazia è una forma di governo nelle mani di pochi, considerati "migliori", che controllano lo Stato nell'interesse della comunità. L'oligarchia è una sua forma degenerata, dove quei "migliori" impongono il potere ma per i loro interessi privati. Secondo Aristotele:" quei pochi esercitano il potere indebitamente, o in quanto non ne hanno il diritto o in quanto lo fanno violando le leggi o, infine, in quanto lo esercitano favorendo gli interessi particolaristici a scapito di quelli della comunità". Ritornando ai giorni nostri, e considerando, per esempio,  il potere "democratico" di un referendum, spesso non rispettato. Oppure a una politica sempre più invischiata nella corruzione, o che investe negli armamenti e non nell'educazione, possiamo riferirci alla realtà che ci circonda come ancora democratica?

Se analizziamo le complessità del Sistema Dominante non possiamo non parlare dello scrittore, pensatore ed attivista Rudolf Rocker (1873-1958), autorevole esponente del pensiero anarchico.
Questa corrente di pensiero, oggigiorno banalmente semplificata come un gruppo di violenti che non vuole nessuno tipo di autorità, meriterebbe un articolo a parte.
Già nell'incipit del suo libro "Anarcho-Syndicalism" Rocker, definisce l'Anarchia come l'abolizione di tutti i monopoli economici e di tutte le istituzioni politiche e sociali che si impongono nella società. Le persone si dimenticano spesso che le industrie non sono fini a se stesse, ma dovrebbero essere solo dei mezzi per assicurare ad ogni uomo la sua naturale sussitenza, permettendogli di progredire culturalmente. Un'economia senza regole inizia dove il lavoro rappresenta il "tutto" e l'individuo il "niente". I tempi della natura vanno forzati in quelli monotoni e ripetitivi della catena di montaggio. Le ingenti spese militari che ogni Governo impone ai propri cittadini ed i debiti di guerra sono il prezzo della presunta protezione dello Stato su popolo. Questo lavoro di Rocker è del 1947 eppure potrebbe benissimo essere stato scritto da qualsiasi oppositore del libero mercato dei giorni nostri.
Il potere dello Stato, continua l'autore, non è altro che una caricatura grottesca della società presente.
L'Anarchia vorrebbe abolire questa forma di Stato con i suoi principi autoritari, di guardiano governativo, dove sotto la pretesa di formare un uomo più civile e morale lo rende in realtà schiavo, oppresso e inevitabilmente sfruttato. Il ruolo del popolo, prosegue Rocker, è oramai quello di ratificare delle decisioni prese in altre stanze, di adottare delle dottrine, preparate altrove dai propri "superiori", osservando passivamente i cambiamenti della società. La Rivoluzione sociale, la formazione di un popolo finalmente padrone delle proprie scelte è l'obiettivo ultimo. Rocker, come la maggioranza degli anarchici, non era comunista. Sia il comunismo che il fascismo erano visti come forme estreme di politica, da evitare.
Anche il Capitalismo è visto dall'autore, come la volontà di rendere sottomessi milioni di individui. Una forza che spinge i Governi e gli imperi verso obiettivi che favoriranno una ristretta cerchia di persone. Il Capitalismo moderno non si pone limiti, può muoversi con freddo egoismo verso alcuni ed incarnare la "provvidenza" per altri. Le abilità tecniche e scientifiche sono progredite in maniera considerevole, eppure la massa non si è arricchita ma piuttosto il contrario.
Per mantenere questo apparato molti dei progressi tecnologici sono serviti per eliminare il prossimo, si creano masse di killer in uniforme, dove la burocrazie sono dei tiranni senz'anima, dove dalla culla alla bara siamo oppressi da regimi polizieschi, dove il territorio è riempito di celle e penitenziari, informatori e spie. La crescente tecnologia a spese della personalità umana e la sottomissione ad un destino a cui la maggioranza si arrende è la ragione per cui il desiderio di libertà è meno vivo oggi tra gli uomini, sostituito da quello di una sicurezza economica.  L'anarchismo non è il brevetto perfetto per tutti i problemi sociali, non è l'utopia di un ordine assoluto, non crede nella perfezione o in un traguardo finale per le popolazioni. Piuttosto in un perfezionamento illimitato del'ordine sociale. L'anarchismo riconosce la relatività di ogni idea, di ogni istituzione e di ogni ceto sociale. Anche la libertà non è un concetto filosofico astratto, ma la possibilità concreta e vitale per ogni individuo di sviluppare le sue capacità ed il suo talento cui la natura ha dotato e di porre questi doni per il miglioramento della società. Meno interferenze ci saranno da parte di Governi o religioni e più efficente ed armonica la personalità umana diverrà per il beneficio dell'individuo e della comunità.
Sembrano pensieri di un "Gandhi" qualunque piuttosto che di un anarchico, forse perchè la nostra visione di anarchia è distorta.

Una precisa analisi sulle dinamiche dei Partiti Politici, sui loro obiettivi finali ce la offre  il Prof. Thomas Ferguson (1949- ), esperto di scienze politiche, autore e giornalista di temi economici e politici appunto.
Nel suo scritto più interessante " Investment Theory of Party Competition " si analizza in maniera dettagliata come siano le Elite Affaristiche a dirigere le scelte dei Partiti Politici e non gli elettori.
Visti gli alti costi che servono per guidare un sistema politico, costi inarrivabili per gli elettori ordinari, sono i gruppi di affari che tracciano le linee politiche in cui le diverse coalizioni in gioco rappresentano gli investitori, non gli elettori, questo il fulcro della teoria di Ferguson.
Chi offre denaro per i vari Partiti ha le sue ragioni di investimento e quindi di controllo dello Stato.
Gli investitori sono divisi dai loro obiettivi finali, esattamente come delle coalizioni politiche: ci sono quelli per far profitti nel settore del lavoro, quelli nel settore del capitale, quelli per il libero mercato, quelli che supportano il protezionismo, raramente il maggiore investitore è un sindacato, è avvenuto nel caso della nascita del Partito Laburista inglese, per esempio. I partiti politici sono le braccia in azione dei gruppi di controllo che si muovono nelle retrovie.
Per non scontentare nessuno dopo un certo numero di anni si assiste, sempre secondo Ferguson, ad un "Realignment" un riallineamento, dovuto di solito a qualche evento di risonanza pubblica: una crisi violenta, una guerra, uno scandalo. Questa sorta di "giro di boa" permette ai poteri forti di rimescolare le carte, di cambiare i pupazzi politici ai vertici, per dare anche ai cittadini un senso di rinnovamento e giustizia.
Per guadagnare la fiducia degli elettori, il loro voto e quindi la vittoria per le Lobby dietro al politico di turno, bisogna parlare di aborto, diritti dei gay, guerre, in modo da garantire la vittoria ai gruppi dominanti, il fine giustifica i mezzi, ed il fine è il profitto ed il potere.

Altro autorevole pensatore, scrittore, commentatore politico e giornalista è Walter Lippmann (1889-1974), colui che per primo coniò il termine "guerra fredda"  e vincitore di due Premi Pulitzer.
Per Lippmann la figura del giornalista era quella del mediatore tra i gruppi al potere ed il popolo. Quest'ultimo non poteva comprendere le dinamiche e le strategie politiche, quindi il giornalista fungeva da "filtro" per semplificare queste tematiche per l'opinione pubblica. Questo pensiero si scontrava con quello di John Dewey che alla visione gerachica dell'informazione, contrapponeva un gionalismo più egalitario: più le notizie erano condivise e più si alimentava la democrazie ed il libero dibattito.
Lippman, famoso per aver intervistato Kruscev nel 1958 e nel 1961, non si piegò mai al sensazionalismo ed ai gusti del grosso pubblico, cercando di rimanere sempre distaccato, un osservatore che raccontava dei fatti. Il suo libro più importante è "Public Opinion" del 1922, dove si confrontano le relazioni tra il mondo pieno di avvenimenti e la capacità dei cittadini di comprenderli a pieno. Lippmann si propose di capire e di studiare l'influenza sullo stereotipo e i meccanismi che si instauravano per la formazione di tale fenomeno. Lo stereotipo sociale è per Lippmann una visione distorta e semplificata della realtà sociale: lo stereotipo, aggiunge, è costituito dalle immagini mentali che ci costruiamo per semplificare la realtà e per renderla a noi comprensibile.
Coloro che conoscono e comprendono la realtà e di suoi avvenimenti tendono spesso a manipolarli, creando un simulcro di quella stessa realtà che possa essere facilmente assimilabile dal popolo. Le finalità autentiche sono altre, celate ai più. Qui ha terreno fertile la propaganda, che, secondo Lippmann, non potrebbe esistere senza una qualche forma di censura, una barriera tra l'evento in se e quello che viene detto e filtrato per il pubblico. (Da sottolineare la sua opposizione alla guerra del Vietnam)
Ma la colpa di questo sistema non è nella censura stessa, ma in una sorta di rassegnazione, di anemia, di una mancanza di fame da notizie dell'opinione pubblica, che avrebbe i mezzi per accedere ad una conoscienza più approfondita (lo dice Lippmann nel 1922, adesso con internet dovrebbe essere ancora più facile).
"Con un dollaro non ci si compra nemmeno una caramella, ma la gente pretende di informarsi comprando quotidiani ancora più economici."
Le notizie sono scelte editoriali, semi gettati ai cittadini per creare una qualche opinione pubblica, prosegue l'autore.
Ne mondo moderno dove la parola "Leader" è spesso associata a personalità del tutto inadeguate, Lippmann espone la sua idea: " La prova fodamentale del valore di un Leader è che lasci dietro di se altri uomini, la convizione e la volontà di proseguire la sua opera." Il presente è ben lontano, dunque, dalla figura che Lippmann descrive. La politica è più una corsa al sensazionalismo, ad interventi utili a guadagnare qualche voto, senza una reale volontà di intraprendere un cammino di progresso per tutti.
Conclude Lippmann con una stoccata alle Democrazie: " Quando tutti pensano allo stesso modo, nessuno pensa molto."

Una delle più prestigiose figure del XX negli studi delle "politiche internazionali" è stato,senza dubbio, Hans Morgenthau (1904-1980), per ben due volte Consulente del Dipartimento di Stato USA, sia sotto la presidenza Kennedy che sotto Johnson. Le sue idee contro la guerra del Vietnam lo videro allontanato dal suo incarico.
Il suo pensiero si concentra verso le relazioni di potere tra gli Stati, come si sviluppa, quali sono le sue conseguenze e come viene interpretato dalla popolazione.
Il suo lavoro più importante, considerato un pilastro nel ramo delle politiche internazionali si intitola "Politics among Nations".
Per lo studioso la lotta per il potere è universale nel tempo e nello spazio e questo è innegabile a livello empirico.Non si può negare che nel corso dei secoli a prescindere dalle condizioni economiche, sociali e politiche, gli Stati si sono sempre incontrati in relazione al potere. Anche se alcuni antropologi hanno mostrato alcune popolazione apparentemente immuni da questo desiderio, nessuno lo ha potuto ricreare su scala planetaria, sintomo di un eccezione che conferma la regola.
La politica internazionale, come qualsiasi tipo di politica, è una lotta per il potere. Le azioni degli Stati non possono considerare i principi morali.
La sua visione rientra nella Scuola Realistica, anzi secondo alcuni ne sarebbe l'iniziatore, dove la natura umana non può cambiare, dove la politica internazionale è guidata da leggi ferree e chi non si adegua ne subirà la conseguenze. Una visione  Macchiavellica,  molto Hobbesiana, dove l'umanità è sostanzialmente competitiva ed egoistica, famosa la sua frase "Homo Homini lupus" - ogni uomo è lupo per l'altro uomo.
I fatti attuali non possono che confermare questa linea di pensiero. Non essere d'accordo con Morgenthau significa non aver compreso la situazione politica mondiale, credere ancora che chi procura guerre lo faccia in nome di qualche nobile causa. Mai come oggi ci troviamo di fronte ad una lotta indiscriminata per il potere, una sorta di revival di "guerra fredda" tra USA e Russia, ma con nuovi co-protagonisti come la Cina ed i paesi Mediorientali. Le logiche di conquista sono preponderanti sulle logiche di pace e stabilità. Siamo davvero ancora padroni del nostro destino?

Per ottenere un quadro più dettagliato sulla situazione attuale mondiale dobbiamo considerare la figura di Ha Joon Chang (1963 -), importante economista e Prof. all'università di Cambrige. Chang è stato consulente della Banca Mondiale, della Banca per lo Sviluppo Asiatico e dell'Oxfam.
Il suo pensiero è un attacco frontale al neoliberalismo mondiale, alle politiche per ridurre o annullare completamente le tariffe doganali nei paesi in via di sviluppo, ai nuovi accordi per il libero mercato promossi dal WTO (World Trade Organization). Da un articolo sul "Le Monde Diplomatique" del 2003.
Il paradosso è che gli stessi paesi, adesso industrializzati, che promuovono il libero mercato, ai tempi del loro sviluppo economico, raramente usarono quelle regole, che oggigiorno impongono ai paesi in via di sviluppo. Questo in sintesi il nocciolo del pensiero di Chang, che va più nel particolare. L'Inghilterra del XIV e XV secolo aveva politiche prettamente protezionistiche, specialmente per la produzione della lana grezza, per scoraggiare l'esportazione. Stesso procedimento fu adottato tra il 1721 ed il 1846 con nuovi accordi commerciali sulla "Legge del Grano". Tariffe protezionistiche, sussidi di esportazione, rimborsi sulle tariffe di importazione generate delle entrate per le esportazioni. Durante quel periodo la Gran Bretagna aveva un tasso di protezionismo tra i più pesanti in Europa.
Quando nel 1846 la "Legge del Grano" fu abrogata, l'Inghilterra si mosse verso il libero mercato, più per favorire in parte l'aristocrazia terriera e dare inizio ad una sorta di "imperialismo del libero mercato".  La liberalizzazione degli scambi è stata la causa piuttosto che il risultato dello sviluppo economico. Da questa posizione di dominio planetario, imporre il libero mercato per l'impero britannico fu un passo naturale. Il paese aveva raggiunto la sommità del potere con il protezionismo e adesso buttava via la scala che l'aveva aiutato nella sua ascesa, promuovendo il libero mercato.
Sempre Chang sottolinea come tra il 1830 e la seconda guerra mondiale gli Stati Uniti hanno adottato la media più alta di tariffe protezioniste nel settore manufatturiero del mondo.
Solo dopo la fine della seconda guerra mondiale le politiche economiche americane svoltarono verso il libero mercato. Come riporta Chang nel suo lungo articolo, il 18esimo Presidente degli Stati Uniti, Ulysses S. Grant, che guidò il paese dal 1869 al 1877, tra i principali artefici della vittoria nordista nella Guerra di Secessione, disse:"  Per secoli l'Inghilterra ha potuto contare sul protezionismo, ottenendo soddisfacenti risultati. Non c'è dubbio che questo sistema passato è la ragione della sua forza presente. Adesso dopo due secoli di protezionismo il paese sta adottando il libero mercato, più utile alla sue esigenze attuali. Molto bene, lo stesso farà l'America entro 200 anni, uscendo dal protezionismo e favorendo il libero mercato."
Ad i "positivisti" del neoliberismo e della globalizzazione che sostengono la crescita record delle economie mondiale degli ultimi  20 anni, Chang risponde con alcuni numeri :" L'economia mondiale è crescita maggiormente tra gli anni '60 e '70 del secolo scorso, circa il 3%, contro un 2% degli ultimi 20 anni di "record" economici. Se si considera la crescita pro-capite nei paesi sviluppati si assiste ad una contrazione dal 3.2% al 2.2%, stesso discorso per i paesi in via di sviluppo dal 3% al 1.5%. Numeri che includono l'ascesa vertiginosa di India e Cina, altrimenti i tassi sarebbero anche più miseri. L'esperimento neoliberale ha fallito nelle sue promesse di ricchezza, sacrificando uguaglianza ed ambiente."
Ma come è possibile che questo procedimento economico sia ancora la ricetta maggiormente promossa e sostenuta dai Paesi industrializzati e dalle più autorevoli organizzazioni economiche mondiali? Chang risponde come il "tutto" sia sostenuto da un impianto economico-politico-ideologico che può solo essere solo paragonato al potere che aveva la Chiesa nel Medioevo in Europa.
L' influenza dei maggiori organismi internazioni, quali Banca Mondiale, IMF, WTO, che esercitano sui MEDIA (per disinformare) e sulle agende politiche di USA, Regno Unito e principali paesi industrializzati, è predominante. Chi lavora nei paesi in via di sviluppo per queste organizzaioni ha ottimi stipendi, il loro silenzio e la loro complicità è semplicemente pagata un buon prezzo.
Secondo Chang gli unici accordi commerciali che possono sperare di ottenere buoni risultati, sono quelli che raggruppano paesi con simili livelli di sviluppo (come il Mercosur), non accordi che forzano paesi economicamente differenti in un mercato a senso unico. Questo è quello che impone il WTO, per esempio, indebolendo e marginalizzando i paesi in via di sviluppo, a favore dei poteri forti, delle Multinazionali e delle oligarchie planetarie.

Sulla stessa linea anche Robert Pollin (1950-), economista americano, codirettore del PERI (Political Economy Research Institute). In un articolo del 2010 "The Wall Street Collapse and Return of Reality-Based Economics", viene sottolineato come la deregolamentazione finanaziaria, incoraggiata dai governi per crescita e stabilità, abbia prodotto risutati pessimi. Le misure, agli inizi del 2000, per annullare  la "Glass–Steagall", una norma per controllare e limitare gli affari di banche ed istituti finanziari, creata dopo il crollo di della borsa americana del '29, insieme alle misure di Clinton con il "Financial Service Modernization Act", hanno di fatto dato libero sfogo ad un mercato incontrollato, seme fruttuoso della crisi che ancora resiste nel sistema mondiale. Pollin ricorda come la crisi finanziaria del 2007/08 non è fatto isolato nel panorama americana ma piuttosto una sua caratteristica peculiare: la crisi dei mercati del 1997, la bolla speculativa del 1999/01, una sorta di crisi ciclica che si abbatte sui mercati devastanndo  sopratutto i cittadini. Non certo per le varie Goldman Sachs, Citibank, J.P. Morgan e poche altre, sempre salvate dalle iniezioni di soldi pubblici della Federal Reseve Bank (FRB). Uno dei suoi pupilli, Alan Greenspan, che ha ricoperto l'incarico di Presidente dal  1987 al 2006, è il principale artefice di questa deregolamentazione selvaggia. Ci sono tre importanti figure a supporto del neoliberismo, Robert Lucas, Friedrich Hayek e Milton Friedman, ognuno con il suo bel Nobel per l'economia. Hayek sosteneva che l'economie socialiste erano destinate a fallire perchè non offrivano potere decisionale alle persone per scegliere ed informasi liberamente sulle offerte finanaziarie, ma anzi ne limitavano il raggio. La sua fama crebbe con il crollo del blocco Socialista-Sovietico del 1989. Il paradosso del suo pensiero, secondo Pollin e Cassidy (altro studioso ed autore del libro "How Market fails: the logic of economic calamities"), è nell'utopia che il libero mercato fornisca una informazione completa al cittadino, che non si spiega, per esempio nel crollo dei Subprime del 2006/07, che ha visto molti contribuenti perdere la propria casa o i risparmi di una vita. Quindi le informazioni c'erano, ma completamente distorte dalla realtà.
Pollin definisce il neoliberalismo con tutti i suoi "assiomi" una mera utopia.


Nell'informazione niente dovrebbe essere dato per scontato. Il mosaico internazionale viene artificiosamente scombinato per non permettere di ottenere una parvenza di verità. Il capitolo Africa è uno di quei tasselli fondamentali per comprendere come anche il sistema educativo sia pieno di lacune, come la fotografia di un continente sia oramai divenuta un assioma inconfutabile. Non si deve capire, ma digerire quella nozione.
Basil Davidson (1914-2010) è stato uno dei massimi studiosi britannici del pianeta africa. Ha contribuito con i suoi studi ed i suoi documentari ad una immagine del continente ripulita da stereotipi e falsi storici. Ha puntato il dito contro un sistema economico che ha ridotto l'Africa in una emergenza perenne.
Nei suoi studi (fondamentale è "The black man's Burden:African and the curse of National-State") Davison mostra come questo immenso territorio sia sempre stato fin dai tempi coloniali sotto il giogo dei "conquistadores" europei. Un colonialismo umano e finanziario che non ha mai permesso ai suoi popoli di essere padroni del proprio destino, ma ha sempre imposto un modello di sviluppo occidentalizzato.
La storia dell'Africa sembra iniziare con l'arrivo del'uomo bianco, del "prima" non c'è traccia.
Sostanzialmente il modello dello "Stato-Nazione" ha origini recenti, si può collocare dopo la Rivoluzione Francese (1789), quando la Francia divenne forse la prima Nazione Europea. Fu dato per scontato applicare questa formula di Governo anche nel processo di decolonizzazione africano. Le proposte alternative come una Federazione di Stati, senza distuggere le diversità ma rendendole una ricchezza, furono ignorate. L'idea di Nazione, per Davidson, ha semplicemente favorito la ricchezza per le Elite al potere, non il bene della collettività. L'Africa ha ottimi esempi di civiltà passate che hanno creato benessere per il suo popolo, come l'Impero Ashanti, nella zona occidentale del continente, nella zona dell'attuale Ghana. Un impero sorto nel XVII secolo, con una sua burocrazia, un'economia florida, regole civili, elezioni, trasporti funzionali, tutto spazzato via dal "progresso coloniale". Oppure come la società Yoruba, ancora più antica, un'era quasi mitica se comparata con i disastri di oggi. Ci furono numerosi movimenti di lotta per la liberazione in Mozambico, Guinea Bissau, Angola, tutti puntualmente frustrati da USA ed Unione Sovietica. Il punto di non ritorno per i popoli africani furono le decisioni sommarie, sopratutto britanniche, sulla creazione dei confini che hanno lacerato identità o alimentato conflitti fino ai giorni nostri.
Concude Davidson:" Le riforme modernizzatrici in West Africa verso la fine del XIX secolo erano simili a quelle attuate dal Giappone nello stesso periodo, il potenziale per lo sviluppo era sostanzialmente per nulla diverso dal potenziale realizzato dai giapponesi nel 1867."

Il mondo sta rispettando i patti sull'ambiente?
Le guerra sono un lontano ricordo?
Gli interessi delle potenze mondiali sono per le fonti energetiche o per il valore di una singola vita umana? Quanti sono coloro che vivono con meno di 2$ al giornio, perchè i ricchi sono sempre più ricchi, la classe media deve fare le acrobazie ed i poveri sempre più poveri?
Il lavoro è ancora crescita professionale o subdolo ricatto?
I nuovi milionari delle globalizzazione sono sostenibili o non sono consapevoli dei danni delle loro imprese?
Ogni singola domanda ha la sua risposta, sta al nostro buonsenso ed alla voglia di essere curiosi, informandosi, non lasciandolo fare ad altri. Per adesso stanno vincendo le urla degli stolti, forse perchè chi è nel giusto rimane in un dubbioso silenzio. Resistenza sempre. Maremmcinghialaaaaaaaaaaaaaaa