Sunday, April 13, 2014

Israel, the Spoiled Godson of the Respectably World


You never know where to start in the Israeli-Palestinian endless story. Tons of words, resolutions, books, documentaries, agreements, signatures, negotiations, missiles, abuse, threats, ceasefire, made ​​this permanent tragedy almost  normal, something to get used to it, almost institutionalized by the history or by the conveniences of the politicians. This never-ending conflict is the synthesis of the all manifest contradictions of the political world, which promises " Democracy " and "Justice " and in the other hand supports, militarily and economically, States so call " Rogue ". A recent report of " Amnesty International " has requested the immediate stop of the arms trade from  U.S. and Europe towards Israel. The state spends much as 6.2 % of its GDP on defense field (data from SIPRI ), considered that the U.S. arrive at 4.4 % of GDP, we are talking about a State overarmed.
The country is among the top ten in the world by number of soldiers compared to the civilian population, Azerbaijan leading , followed by North Korea, South Ossezia , Singapore and Cuba. 
Israel is also the first in the ranking of the "Global Militarization Index" , an index that quantifies the weight of the military force of a country in relation to its health care spending, the incidence on GDP , the ratio of doctors and the military, and that between the presence of heavy weapons per number of civilians. Second is Singapore, third Syria. 
Israel is the tenth largest exporter of weapons, include almost every country in the world, among whose clients who in one hand condemn the occupation in Palestine and the other doing business with the " condemned" . Australia , India, Germany , Colombia , Brazil, Italy , Russia, Peru , Singapore , Spain, USA (source: SIPRI ). Israel is not a signatary, along with Pakistan, India, North Korea, to the Treaty on the Non-Proliferation of nuclear Weapon, despite having something like 80 nuclear warheads. 
The State, sentinel of the Middle East has received over the decades services and money from many countries : between 1953/61 a decent flow of technology and weaponry coming from France , Nasser disturbed Israeli interests , including the Suez Canal and was not acceptable. Between 1961/69 the ties between Israel and the United States became closer, the classic adopted godson for which everything is allowed and forgiven. Full support for the Six-Day War , even when an Israeli jet strikes a ship of the American fleet, killing 34 soldiers, apology accepted , indeed a beautiful gift from President Johnson : the sale of Phantom War jets  and he Jewish state  was growing strong and healthy. Even during the war of Yom Kippur President Nixon deployed a considerable flow of weapons to the conflict between Israel and some Arab states . Under the Reagan era  the cash flow rose up 3 billion dollars per year and continue until today. Some criticism of the siege of Beirut, some warning for "Operation Babylon " when an Israeli attack destroyed a nuclear reactor under construction near Baghdad. But even the famous veto with which Reagan rejected a proposed weaponries embargo against Israel proposed by the United Nations and the Soviet Union. And so on , year after year , president after president , occupation after occupation , bombing after bombing , Palestine was the violent terrorist, Israel had only exercised a right of defense.The current President Obama, first in history to have sold to the Jewish state the " bunker buster bombs" to destroy underground target. More and more interconnected relationships between the Israeli lobby , the American multinationals , tons of dollars and interests that in fact call off any reprehensible action against Palestine, devastated as a state and as a people. 
According to the Palestinian Authority for Social Affairs over 1,500 children were killed by Israeli force since 2000, 6,000 were injured and more than 10,000 arrested. 
UNICEF also reported  summary arrests and illegal detention of Palestinian children , in violation of every international law on the rights of child. In June 2013. The UN Child Rights Office has highlighted that thousands of Palestinian children are routinely arrested, tortured and used as human shields by the Israeli force. According to the report there are over 7000 children, aged between 9 and 17 years old. All this within the Palestinian border, not to mention the tens of thousands of refugees who have never even been able to set foot in their homeland. In the battered Syria there is one of the largest, the Yarmouk , with over 100,000 Palestinians, created in 1957, a mini town with a chaotic urbanization . There are schools and hospitals, but despite some articles on Wikipedia , define it one of the best fugitive field in terms of livability, the reality is quite different . The long civil war in Syria has worsened the conditions. A recent article in "The Guardian" shows thousands of Palestinians in the queue for basic necessities , no water , rice, neither medicines . The food distribution by the United Nations fails to minimally cover this humanitarian emergency. The high population density and poor sanitation are another factor for the epidemics risk.The beverage giant Coca Cola has recently donated about $ 100,000 in food aid to the Yarmouk , a commendable act of charity. But we need to see how the same Coca Cola , from 1966, is one of the first supporters of the Jewish state , every year the multinational finance the Israeli Chamber of Commerce with thousands of dollars. What about when in September 2009 in the headquarters of Coca-Cola was rewarded for his work the General Binyamin Ben- Eliezer, among its commendable actions he had eliminated more than 1,000 Egyptians during the Six-Day War. So donations are mere propaganda group Coca-Cola to improve and polish the image of this brand spread in every corner of the earth. 
Adjectives to describe and condemn what is happening daily in the occupied territories, have lost their real specific weight , are deplenished of their meaning from the sequence of events so criminal , so inhuman to be paradoxically placed in the media flow of " normality." In a world with moral principles pretty good, with values ​​still basically healthy, would not have allowed such  history atrocity  spanning more than 60 years. 
And instead whoever comes to power, whoever lead the Nations has not the smallest embarrassed to go up on stage , to speak out declarations of peace, justice, hope and freedom. Rulers who spend billions of dollars every year to sell arsenals of destruction and death to their Hebrew godson . The media protect these lies, they become complicit in all those moments that would have had make some uncomfortable questions but instead they preferred the silence and submission to a rotten and criminal system. The great Charles Bukowsky would end up in this way: " Life was really unbearable, but to the people had been taught to pretend that it was not. Occasionally there was a suicide or someone entered in a mental hospital, but for the most part the masses continued to live pretending that everything was normally pleasant. " Maremmacinghialaaaaaaa

Thursday, April 10, 2014

Israele, il figlioccio viziato del Mondo Perbene


Non si sa mai da che parte incominciare nella situazione israelo-palestinese. Tonnellate di parole, risoluzioni, libri, documentari, accordi, firme, negoziati, missili, abusi, minaccie, accuse, hanno reso questo dramma permanente quasi normale, qualcosa cui farci l'abitudine, quasi istituzionalizzato dalla storia o dalle convenienze dei potenti. Questo conflitto senza fine è la sintesi manifesta di tutte le contraddizioni della politica mondiale, che promette "Democrazia" e "Giustizia" mentre sostiene militarmente ed economicamente  Stati "Canaglia". Un recente report di "Amnesty International" ha richiesto lo stop immediato del business delle armi tra Stati Uniti, Europa verso Israele. Lo Stato spende addirittura il 6.2% del proprio PIL per la difesa ( dati del SIPRI), considerato che gli USA arrivano al 4.4% del PIL, stiamo parlando di un paese armato fino ai denti. Il Paese è tra i primi dieci al mondo per numero di soldati rispetto alla popolazione civile, il primo risulta l'Azerbaijan seguito dalla Corea del Nord, dall'Ossezia del Sud, Singapore e Cuba.
Israele risulta primo anche nella classifica del "Global Militarization Index", un indice che quantifica il peso militare di un paese rispetto alla sua spesa sanitaria, all'incidenza sul PIL, al rapporto numerico tra medici e militari, e a quello tra presenza di armamenti pesanti e numero di civili. Al secondo posto troviamo Singapore, al terzo la Siria.
Israele è il decimo esportatore mondiale di armi, tra i cui clienti troviamo quasi tutte le Nazioni mondiali, che da una parte condannano l'occupazione in Palestina e dall'altra fanno affari con il "condannato". Australia, India, Germania, Colombia, Brasile, Italia, Russia, Peru, Singapore, Spagna, USA (fonte SIPRI). Israele non aderisce, insieme a Pakistan, India, Corea del Nord, al Trattato di non Proliferazione Nucleare, pur possedendo qualcosa come 80 testate nucleari.
Lo Stato, sentinella del Medio Oriente ha ricevuto nel corso dei decenni servizi e denaro da numerosi Stati: tra il 1953/61 un discreto flusso di tecnologia e armamenti arriva dalla Francia, Nasser disturbava gli interessi israeliani, tra cui il canale di Suez e non era accettabile.
Tra il 1961/69 i legami tra Israele e gli Stati Uniti si fanno più stretti, il classico figlioccio adottivo a cui tutto è permesso e perdonato. Pieno appoggio alla Guerra dei Sei Giorni, anche quando un jet israeliano colpisce una nave della flotta americana, uccidendo 34 soldati, scuse accettate, anzi un bel regalo dal Presidente Johnson: la vendita di aerei da Guerra Phantom allo Stato ebraico che cresceva forte e sano.
Anche durante la guerra del Yom Kippur il Presidente Nixon dispiegò un notevole flusso di armi per il conflitto tra Israele e alcuni Stati Arabi. Sotto l'era di Reagan il flusso di denaro toccava i 3 miliardi di dollari all'anno e continua tutt'ora. Qualche critica per l'assedio di Beirut, qualche richiamo per l'Operazione "Babylon" quando un attacco israeliano distrusse un reattore nucleare in costruzione nei pressi di Baghdad. Ma anche il famoso veto con cui Reagan rifiutò un embargo di armamenti proposto contro Israele dalle Nazioni Unite e dall'Unione Sovietica. 
E così via anno dopo anno, Presidente dopo Presidente, occupazione dopo occupazione, bombardamento dopo bombardamento, la Palestina era il violento terrorista, Israele aveva solo esercitato un diritto di difesa.
Fino all'attuale Presidente Obama, unico nella storia ad aver venduto allo Stato Ebraico le " bunker buster bombs", per distruggere bersagli nel sottosuolo.
Rapporti sempre più interconessi, tra lobby israeliane, multinazionali americane, tonnellate di dollari e di interessi che annullano di fatto ogni riprovevole azione contro la Palestina, sempre più devastata come Stato e come popolo.
Secondo l'Autorità Palestinese per gli affari sociali oltre 1500 bambini sono stati uccisi dalle forza israeliane dal 2000, 6000 sono stati feriti ed oltre 10000 arrestati. Anche L'UNICEF ha denunciato, con uno studio, gli arresti sommari e le detenzioni illegali di ragazzi palestinesi, violando ogni qualsivoglia legge internazionale sui diritti dei minori. Nel Giugno del 2013 l'Ufficio per i diritti sui minori dell'ONU ha evidenziato che migliaia di bambini palestinesi sono sistematicamente arrestati, torturati e usati dalla forza israeliane come scudi umani. Secondo il rapporto sono oltre 7000 i minori, tra i 9 ed 17 anni.
Tutto questo entro i confine palestinesi, senza contare le decine di migliaia di rifugiati che non hanno mai nemmeno potuto mettere piede nella loro patria. Nella martoriata Siria ce n'è uno dei più grandi, è quello di Yarmouk, con oltre 100.000 palestinesi, creato nel 1957, una mini cittadella con una urbanizzazione caotica. Vi sono scuole ed ospedali, ma nonostante alcuni articoli, anche su Wikipedia,  lo definiscano uno dei migliori campi profuughi in termini di vivibilità, la realtà è ben diversa. La lunga guerra civile siriana ne ha peggiorato le condizioni. Un recente articolo sul "The Guardian" mostra migliaia di palestinesi in coda per beni di prima necessità, manca acqua, riso, medicine. La distribuzione di viveri da parte delle Nazioni Unite non riesce a coprire minimamente questa emergenza umanitaria. L'alta densità abitativa e le scarse condizioni igieniche sono un altro fattore per il rischio di epidemie.
Il gigante delle bibite Coca Cola ha recentemente donato circa $ 100.000 in aiuti alimentari per il Yarmouk, un atto lodevole di beneficenza. Dobbiamo però constatare come la stessa Coca Cola, dal 1966, sia uno dei primi sostenitori dello Stato Ebraico, ogni anno la multinazionale finanzia la Camera di Commercio Israeliana con migliaia di dollari. cosa dire di quando nel settembre 2009 in una delle sedi della Coca Cola fu premiato per il suo operato il Generale Binyamin Ben-Eliezer, tra le sue lodevoli azioni c'è quella di aver eliminato oltre 1000 egiziani durante la Guerra dei Sei Giorni. Quindi le donazioni del gruppo Coca Cola sono semplice propaganda per migliorare l'immagine di questo marchio diffuso in ogni angolo della terra.
Gli aggettivi, per descrivere e condannare quello che avviene quotidianamente nei territori occupati, hanno perso il loro reale peso specifico, sono stati svuotati del loro significato dal susseguirsi di eventi talmente criminali, talmente inumani da essere paradossalmente inseriti nel flusso mediatico della "normalità".
In un mondo con dei principi morali abbastanza integri, con dei valori ancora sostanzialmente sani non sarebbe permessa una simile atrocità storica lunga più di 60 anni. 
Ed invece chi va al potere, chi comanda le Nazioni non ha il minimo imbarazzo a salire sui palchi, a rilasciare dichiarazioni di pace, giustizia, speranza, libertà. Governanti che spendano ogni anno miliardi di dollari per vendere arsenali di distruzione e sofferenza al loro figlioccio ebraico. I Media tutelano queste menzogne, diventano complici in tutti quei momenti che avrebbero dovuto fare delle domande scomode ed invece hanno preferito il silenzio e la sottomissione ad un sistema marcio e criminale.
Il grande Charles Bukoswky avrebbe finito così:" La vita era davvero insopportabile, solo che alla gente era stato insegnato a fingere che non lo fosse. Ogni tanto c'era un suicidio o qualcuno entrava in manicomio, ma per la maggior parte le masse continuavano a vivere fingendo che tutto fosse normalmente piacevole". Maremmacinghialaaaaaaa

Tuesday, April 1, 2014

Il "nuovo" nuovo Ordine Mondiale


Articolo tradotto dalla redazione di MaremmaCinghiala dal titolo

The New New world Order by Jim Miles (Giornalista canadese indipendente per numerose testate online, tra cui "the Palestine Chronicle").

Le parti in corsivo sono aggiunte dalla Redazione per spiegare, chiarificare alcuni punti.

Il mondo appariva diverso due decadi fa. Il crollo dell'Unione Sovietica sotto Yeltsin, un crollo verso occidente. Quest'ultimo aveva "vinto" la guerra fredda in un 'ottica di giuste spartizioni di pace, promettendo di non estendere la NATO nei paesi dell'est.
L'economia USA, sebbene già seriamente indebitata ed in difficoltà, lavorava con la Cina per una nuova era di prosperità economica, mentre in Russia nascevano nuovi oligarchi e i vecchi business venivano smantellati.
In Israele la prima Intifada era finita, e gli accordi di Pace di Oslo erano in divenire, con L'OLP che venita riconosciuta come rappresentante di un popolo e di un'area, la Cisgiordania, controllata da Palestinesi ed Israeliani.

La pace globale era sul punto di affermarsi.

Un gruppo di uomini si stava chiedendo che tipo di pace sarebbe stata, erano i partecipanti del Progetto Nuovo Secolo Americano (Project for New American Century - PNAC - con esponenti del gruppo Bush, con idee non propriamente di pace, i loro punti chiave sono l'affermazione della potenza americana nel mondo sopratutto a livello militare. E' tutto scritto nero su bianco sia sul sito del PNAC sia su wikipedia ).

Tra loro c'era l'idea di una completa dominazione globale, dove Richard Perle e Paul Wolfowitz (il primo è il fondatore del PNAC, strettamente legato alla destra israeliana, il secondo è stato il presidente della Banca mondiale per due anni, dopo costretto a lasciare l'incarico perchè gonfiava lo stipendio della sua compagna, con doppia cittadinanza, Americana ed Israeliana), sostenevano la forza di colpire per primi in una eventuale guerra atomica. Non c'erano più rivali da combattere per gli Stati Uniti, in terra, mare, aria, spazio, la politica di dominio economico e politico era assicurata. Il gruppo PNAC diceva in aggiunta: "Il processo di trasformazione, anche se porterà un cambiamento rivoluzionario, risulterà molto lungo, se non si dovesse verificare un evento catastrofico e catalizzante, come una nuova Pearl Harbor." (Da li a poco ci saranno gli attacchi alle torri gemelle)
Il gruppo aveva già puntato l'Iraq e sosteneva il suo partner strategico in Medio Oriente, Israele.
E una nuova Pearl Harbor arrivò.
A prescindere dai suoi artefici, il 9/11 creò l'impeto e la propaganda giusti per una nuova generazione di azioni militari in tutto il mondo, sotto la magica etichetta "guerra al terrore". Un'era di sorveglianza e leggi autoritarie che hanno gradualmente indebolito lo stato democratico negli USA e nei suoi paesi alleati.
 A livello finanziario si assistette all'inizio di una fase dove la finanza globale era infestata dai debiti per supportare lo sforzo militare sul pianeta.
Israele cavalcava questi momenti, prendendo le sembianze della "vittima" circondata da un mare di terroristi pronti a distruggerla a prescindere dalla sua predominante forza militare, con centinaia di testate nucleari, e la sua forza finanziaria e di controllo, sempre supportata dagli USA e dai suoi alleati. La strada per la pace non era altro che una montagne di chiacchere, mentre le costruzioni nelle terre palestinesi continuavano.
La pace globale non era più così immediata e la "lunga guerra globale" si inseriva nella normalità della propaganda quotidiana, dei Media. La democrazia e la libertà erano esportante tramite barili, pistole e lanciarazzi.
Ma nonostante le previsioni del PNAC, l'asse USA/NATO si è insabbiato in Iraq e Afghanistan, le vittorie in Libia hanno lasciato sul campo promesse non mantenute ed immense distruzioni.
Il collasso economico del 2007/08, il relativo salvataggio con i petrol-dollari, con la messa in circolazioni di miliardi di dollari da parte della Federal Reserve per salvare il salvabile.
Ma il progetto americano di controllo del mondo ha subito un brusco rallentamento: molti i fattori scatenanti, ma due sono i principali. Il ritorno di una resistenza militare di una rinvigorita Russia, che ha risposto al tentativo di limitarla o altresi disintegrarla. In questa resistenza c'è una forte volontà politica di preservare i propri interessi, e di aumentare il suo potere economico con nuovi legami con l'Europa e il nuovo colosso Cinese.
Secondo, molto legato a quanto detto sopra, il cambiamento del peso mondiale dei petrol-dollari, l'ascesa della Cina come nuovo giocatore nello scacchiere mondiale, e l'immensa voragine di debiti sia interni che esteri degli Stati Uniti. Aggiungiamoci la presa di coscienza del potere dei paesi BRICS (Brasile, Russia, Cina, India e Sudafrica) e la loro ricerca di una valuta alternativa al dollaro per le loro riserve.
Tutto si muove di conseguenza come l'istigazione del colpo di Stato in Ucraina, la Crimea, tutto collegato ai rapporti economici tra Russia, Siria ed Iran.
Mentre il mondo segue queste vicende nell'Europa dell'est, Israele continua la sua pulizia etnica, distruggendo e riorganizzando le sue costruzioni. Le parole di Obama riguardo Democrazia e leggi internazionali sono una doppia ipocrisia, per quello che il suo paese sta facendo militarmente nel mondo e per quello che sta succedendo in Israele, dove l'inetto John Kerry cerca di recuperare una situazione ormai già morta.
Il futuro è speculazione ma Israele potrebbe sorprendersi e sorprendere il mondo trovando nuovi alleati a suo supporto. E' un mini super potenza, ha ampie strutture militari, di sicurezza e di sorveglianza, negoziabili con altri beni e necessità. Gli Usa ed i suoi alleati hanno importanti legami, anche religiosi con Israele, parzialmente attraverso l'estrema destra dei Cristiani fondamentalisti oltre che con gli ebrei locali. Ma con un possibile declino finanziario, valutario e geopolitico degli Stati Uniti, questo piccolo e potente Stato potrebbe cercare altrove nuove "amicizie".
Forse la Russia stessa, o magari la Cina, o qualche paese arabo che sta già facendo affari con la Cina e non avrebbe problemi a chiudere un occhio per Israele, per la sua stessa sopravvivenza.
Per i Palestinesi l'unica via di uscita è nel BDS (un gruppo nato nel 2005 per la delegittimazione ed il boicotaggio di Israele, supportato da 171 organizzazioni non governative palestinesi. Scopo dichiarato è la fine dell'occupazione israeliana, riconoscere i diritti dei palestinesi ed il ritorno in patria dei rifugiati. Diversi paesi tra cui Norvegia, Olanda, Nuova Zelanda, Irlanda, Sudafrica, Inghilterra, hanno iniziato a boicottare compagnie israeliane accusate di essere coinvolte in qualche modo con l'occupazione del suolo palestinese)
Per ora il BDS sempre l'unica vera arma dei palestinesi per raggiungere la tanto agognata libertà.  Jim Miles

Friday, March 28, 2014

Russia vs US, Ukraine vs Crimea, Geopolitics vd Disinformation: 10 points to understand the Problem


This short article scope is to make things clear, or at least try , on the facts whose are happening in Ukraine and Crimea where we can see the United States and Europe in one hand and the Russia with his czars Vladimir Putin in the other. As always there is a version for the printed paper that talks about revolution, rights violated , sovereignty, illegal referendum and abuse of power and the other geopolitics version  that shows what are the real interests and contradictions that always happen on the planet .We rely on authoritative sources as independent journalists like Pepe Escobar and Paul Jay. Nicolai Petro, a professor at the University of Rhode Island, specializing in Russian affairs , a former employee of the U.S. Department under President Bush. Tarik Cyril Amar , a professor at Columbia University , specializing in the modern history of Ukraine and Russia , a graduate of Princeton University. Scott Rickard , a former U.S. intelligence official .
 1 ) The Crimea was " donated " by the Russian President Khrushchev in 1954 to celebrate the 300th anniversary of the union between the two countries. With the collapse of the Soviet Union, Crimea became part of Ukraine, a solution opposed by much of the local population with of Russian origin, cause of tensions between Russia and Ukraine. 

2 ) The Crimea is home of the base of the Russian Black Sea Fleet in Sevastopol, where the influence of the Ukrainian never arrived. 60% of its population is Russian .

3 ) The riots that erupted in Ukraine obviously have a base of discontent but took advantage of a
substantial " push"  by the United States, which has been funded with at least $ 5 billion in the past years towards various opposition groups. We talk about the National Endowment for Democracy, a non-profit Us association to promote democracy around the world , some of the members are neocon , supporters of the Reagan doctrine as Fukuyama. This group has supported the uprisings in Georgia and the Orange Revolution Ukraine. Injections of "democracies" in groups more or less connected with the democratic uprisings and Molotov cocktails . These data are public, viewable by anyone on wikipedia .

 4 ) The current Ukrainian government has dismissed Yanukovych to power, the current Prime Minister Arseniy Yatsenyuk got in his government team members of the party All- Ukrainian Union " Svoboda ", a group of extreme right-wing politician , anti-communist, neo-Nazi . Include as many as 8 ministers coming to this party, even Oleksandr Sych holds the position of Deputy Prime Minister.

5 ) So considering the step 4 and step 5 , it can be said that the "help" from Washington to topple Yanukovych, have fomented riots and clashes with dozens of casualties on the roads and a government with a coalition of neo-Nazis . We put the arrow to the far right wing .


6) According to the Constitution of Ukraine the referendum held the 16th March was actually illegal , because it was in the case include all Ukrainian citizens and not just those of the Crimea, but the Constitution also states that the new government came to power is illegitimate because it did not followed the procedure required by regular elections.


 7) The U.S. and Europe declared the secession of the Crimea as an illegal act which violates international law , forgetting the previous one between Serbia and Kosovo . For the analyst Vladimir Brüter"The decision of the Court of Justice in The Hague on Kosovo is fragmentary . From the point of view of international law can not exist an order of creation of new states , not least because in the Charters of the United Nations do not make any reference to how they should be adjusted the boundaries of the states and how they can begin or cease to exist . It 's just common sense. the West recognizes Kosovo to Serbia and promising various benefits in exchange for his recognition , he tries to justify the fait accompli , but there is no de jure solutions at the moment ".

8 ) On 22 July 2010, the Hague Court had stated that the unilateral proclamation of independence of Kosovo " not illegal " and "does not violate international law ."

9) Western Media have called " invasion" the entry of 16,000 Russian soldiers in the Crimea in early March . In 1997, had been signed a treaty of partition between former USSR , Russia and Ukraine that allows the Russians to deploy 25,000 men in the Crimea until 2042 . Russia received 81.7 % of the ships in the fleet after the Ukrainian government paid $ 526.5 million. Moscow pays annually $ 97,750,000 in Kiev for the right to use the waters of Ukraine and radio frequencies, and to offset the environmental impact of the Black Sea Fleet.


10) The U.S. discussion about the Russian intervention in Ukraine as an
International Abuse on the sovereignty of the country would not even commented . From that pulpit and with that courage is the sermon. It would not help to remember the coup in South America or in ' Iraq, ' Afghanistan , Libya , Somalia , Syria, on military bases around the world, 130 just in Italy, I could go on until the end of the month.These ten points because we are not Putin supporters, who between human rights, murder suspects , Chechnya, abuse of power, is not missing anything done in recent decades . But the right to inform in a linear matter comes first , and the hypocrisy and lies that we have read  from about 99% of the media these days are the most vicious misinformation in his features .There is no consistency , impartiality, suddenly you erase the historical memory , doing good with boxing gloves hitting the ignorance of the masses who still believe in fairy tales of the good and the bad .This is simple geopolitical power plays and strategies for control of a key area of the planet, the rest are just words for chickens ..... maremmacinghialaaaaaaaaaaaaaa

Thursday, March 20, 2014

Russia vs USA, Ucraina vs Crimea: Geopolitica vs disinformazione. 10 punti per capire la vicenda.


Questo breve articolo nasce dalla necessità di fare chiarezza, o almeno provarci, sui fatti che si stanno succedendo in Ucraina e Crimea con da una parte gli Stati Uniti e l'Europa e dall'altra la Russia ed il suo zar Vladimir Putin.
Come sempre succede c'è la versione per la carta stampata che parla di rivoluzione, diritti violati, sovranità, referendum illegali e abusi di potere e dall'altra la versione geopolitica che mostra quali sono i reali interessi e contraddizioni che accadono da sempre sul pianeta.
Ci basiamo come fonti su autorevoli giornalisti indipendenti come Pepe Escobar e Paul Jay. Su Nicolai Petro, professore per l'Universita del Rhode Island, specializzato in affari russi, ex collaboratore del Dipartimento Statunitense sotto la presidenza Bush. Tarik Cyril Amar, professore alla Columbia University, specializzato nella storia contemporanea di Ucraina e Russia, laureato alla Princeton University. Scott Rickard, ex funzionario dell'Intelligence USA.

1)  La Crimea è stata "regalata" nel 1954 dall'allora Presidente russo Krusciov per celebrare i 300 anni dell'unione tra i due paesi. Con il collasso dell'Unione Sovietica la Crimea è entrata a far parte dell'Ucraina, una soluzione osteggiata dalla gran parte della popolazione ormai di origine russa e causa di tensioni tra Russia ed Ucraina.

2) La Crimea  ospita la base della Flotta Russa sul Mar Nero a Sebastopoli, dove l'influenza ucraina non è mai arrivata. Il 60% della sua popolazione è russa.

3) Le rivolte che sono esplose in Ucraina hanno ovviamente una base di malcontento ma hanno usufruito di una "spinta" sostanziale da parte degli Stati Uniti, che hanno finanziato con almeno 5 miliardi di dollari negli anni passati varii organismi di opposizione. Si parla del National Endowment for Democracy, associazione no profit per promuovere la democrazia nel mondo, trai cui affiliati troviamo neoconservatori, simpatizzanti della dottrina Reagan come Fukuyama. Questo gruppo ha sostenuto le rivolte in Georgia e la Rivoluzione Arancione Ucraina. Iniezioni di Democrazie in gruppi più o meno democratici connessi con rivolte e bombe molotov. Sono dati pubblici, visionabili da chiunque su wikipedia.

4) L'attuale Governo Ucraino che ha destituito Yanukovych al potere, con l'attuale Primo Ministro Arseniy Yatsenyuk ha nella sua squadra di governo membri del partito All-Ukrainian Union "Svoboda", gruppo politico di estrema destra, anticomunista, neonazista. Figurano ben 8 ministri proveniente di questo partito, addirittura Oleksandr Sych ricopre il ruolo di vice Primo Ministro.

5) Quindi considerando il punto 4 ed il punto 5, si può affermare che gli "aiutini" di Washington per far cadere Yanukovych, hanno fomentato rivolte e scontri con decine di vittime per le strade ed un Governo con una coalizione di neonazisti. Mettiamo la freccia verso l'estrema destra.

6) Secondo la Costituzione Ucraina il Referendum svoltosi domenica scorsa è effettivamente illegale, perchè doveva nel caso includere tutti i cittadini Ucraini  e non solo quelli della Crimea, ma la stessa Costituzione afferma che anche il nuovo Governo salito al potere è illegittimo in quanto non ha seguito l'iter richiesto con regolari elezioni. 

7) Gli Usa e l'Europa dichiarano la secessione della Crimea come un atto illegale che viola le leggi internazionali , dimenticandosi il precedente tra la Serbia ed il Kosovo. Per l'analista Vladimir Brueter
"La decisione della Corte di giustizia dell'Aja sul Kosovo è frammentaria. Dal punto di vista del diritto internazionale non può esistere un ordine di creazione di nuovi stati, se non altro perché nelle Carte delle Nazioni Unite non si fa nessun riferimento a come devono essere regolati i confini degli stati e come essi possano cessare o iniziare ad esistere. E ' solo buon senso. L'Occidente riconoscendo il Kosovo e promettendo vari benefici alla Serbia in cambio del suo riconoscimento, cerca di giustificare il fatto compiuto, ma non esistono de jure soluzioni al momento."

8) Il 22 luglio del 2010 la Corte dell’Aja aveva dichiarato che la proclamazione d’indipendenza unilaterale del Kosovo "non è illegale" e "non viola il diritto internazionale". 

9) I Media Occidentali hanno in massa definito "invasione" l'ingresso di 16000 soldati russi in Crimea i primi di Marzo.  Nel 1997 è stato firmato una Trattato di Partizione tra ex USSR, Russia e Ucraina che permette ai Russi di schierare 25000 uomini in Crimea fino al 2042. La Russia ha ricevuto 81,7% delle navi della flotta dopo aver pagato il governo ucraino $ 526.500.000. Mosca paga  annualmente 97.750.000 dollari a  Kiev per il diritto ad utilizzare le acque ucraine e frequenze radio, e per compensare l'impatto ambientale della Flotta del Mar Nero. 

10) Gli USA che parlano di intervento Russo in Ucraina come un abuso internazionle alla sovranità del paese non andrebbe nemmeno commentato. Da che pulpito e con che coraggio viene la predica. Non servirebbe ricordare i golpe in Sud America o l' Iraq, l' Afghanistan, la Libia, la Somalia, la Siria,con basi militari in tutto il mondo, 130 solo in Italia, potrei continuare fino alla fine del mese.

Questi dieci punti non perchè siamo simpatizzanti di Putin, che tra diritti umani, omicidi sospetti, Cecenia, abusi di potere, non si è fatto mancare niente in questi decenni. Ma il diritto di informare in maniera lineare viene prima di tutto, e le ipocrisie e le menzogne che si sono lette sul 99% dei Media in questi giorni rappresentano la disinformazione nelle sue fattezze più feroci. 
Non esiste coerenza, imparzialità,  la memoria storica improvvisamente si cancella, il buonismo colpisce con i guantoni dell'ignoranza le masse che ancora credono alle favole del buono e del cattivo. 
Questa è semplice geopolitica, giochi di potere e di strategie per il controllo di un'area chiave del pianeta, il resto sono solo parole per i polli.....maremmacinghialaaaaaaaaaaaaaa

perché ospita la base della Flotta Russa del Mar Nero a Sebastopoli , una città dove il potere ucraino non è mai arrivato, - See more at: http://www.greenreport.it/news/geopolitica/la-crimea-e-russia-e-lucraina-di-chi-e/?utm_source=twitterfeed&utm_medium=twitter#sthash.u5gg98CC.dpuf
perché ospita la base della Flotta Russa del Mar Nero a Sebastopoli , una città dove il potere ucraino non è mai arrivato, - See more at: http://www.greenreport.it/news/geopolitica/la-crimea-e-russia-e-lucraina-di-chi-e/?utm_source=twitterfeed&utm_medium=twitter#sthash.u5gg98CC.dpuf

Saturday, March 15, 2014

2014 Odyssey Italy. The Great "Swindle"


In an article dated April 25 of 2009, entitled " Italian Unethical Country " published on the Maremma Cinghiala we were going through the grotesque and unreal situation  that covered up the Nation, as a kind of fog getting thicker, where figure out something day after day became a firm impossible.After 5 years we still find the same lack of love and the same accustomization to the stench of a people more and more tired. The hope has become a kind of morphine which mitigate years of scandals, of broken promises, of fraud, of collapse, of abuse, of delays, anger, issues on which no one seems to have a minimal response. Some still rise up, there are still struggles , protests, strikes and someone still tries to use the weapon of information to shake this inertia to nowhere , but data in hand , there are still too few who have take off their tame mask on the "everything" and are trying to take back their lives. In 2009 absolute poverty was  involving 2 million and a half of people, now it has reached 4 million in just five years. The politics instead of taking concrete action plays with the seats in Parliament, make agreements with Berlusconi and all his godchildren who still sit in Parliament , speaks Italian kind of bar or stadium slang, with some words in English to be more international, but what is really "international" is the dependence on economic, financial and military sectors, while the social is lost in the depths of a crisis that forces to "austerity and rigor" , always for the same people , always the weakest. People hopes , almost defends those powers and the system that has reduced them so, who has turned a country into a perpetual emergency : from the archaeological  collapse to the hydrologic risks, from Prime Ministers elected without regular elections to continue by a election law held unconstitutional that has infact made ​​ "illegal" the Parliament itself and all that mass of characters that have no shame to speak on the behalf of the Italian people. 
Sad political programs, atrophied on poor content that resonate from the right to left wing, slogans, advertising for the citizens who do not want to know any more , locked up in the run-up to work without a choice, a daily dose in order to survive, while the quality of life is stuff for sci-fi movies. 5 years ago we were spending tens of millions of euro for a fashion that never dies, the war, to bawl at the peace, with mountains of weapons ready to wreak havoc on other peoples and nations. The U.S. leads this special ranking with 682 billion dollars, the sum of the following 11 states combined, China, Russia , UK, Japan, France , Saudi Arabia, India, Germany, Italy , Brazil, South Korea, does not reach the same amount of the total Us expenses, but please do not call it empire, what else? Italy was 5 years ago and it is still among the first ten countries for military spending with $ 34 billion , 1.7% of the GDP. The campaign " Sbilanciamoci " (non-profit association that since 1999 brings together economists, researchers, journalists, students , social workers , trade unionists , and a network of associations, organizations, movements, analyze and propose alternative visions economic / social ) calculated that the cost of one F35 airstrike, 135 million of euro, could pay the wages of 5,400 assistant professor for a year, to secure 135 schools , put on rail 21 regional trains. The priorities are the economic and financial interests not the citizens, and as long as there will not be a moral and cultural revolution from the ground, these masters will continue to pull the strings of life for millions of people. The Italians are not surprising anymore if for any public work there is the relative delay, if the costs magically doubled, if it is the practice that some constructor is investigated . The case of  L'Aquila is a prime example : the words of the anti-Mafia attorney  Olga Capasso:" In the first two years that followed the earthquake that struck April 6, 2009 L ' Aquila, there was almost a stagecoach to arrive at grab the most lucrative contracts by the Camorra , the 'Ndrangheta and Cosa Nostra ( particularly that of Gela ). " The judiciary has a few months ago placed under arrest  the deputy mayor of L'Aquila, investigating the former councilors and civil servants of L'Aquila held accountable in different ways along with entrepreneurs, technicians and fixers , of influence peddling , bribery , forgery material and ideological misappropriation of contracts related to the post- earthquake of 6 April 2009. But even the famous C.A.S.E. teleshopping style promoted by the media proved to be a partial failure. The quality of the construction materials is variable. Many buildings have problems with the electrical system , the sanitary and heating. A Pagliare Sassa town, a building was on fire for a short circuit. It had been built with flammable materials. According to the public attorneyship of L'Aquila, two hundred seismic isolators are defective . Tested by a laboratory in San Diego, California , insulators produced by the " Seaweed Spa " have failed the tests. Before being used in the construction , were tested in the laboratory " Eucentre " of Pavia . The President of " Eucentre " was Gian Michele Calvi, who also held the post of project manager Homes for Civil Protection . A classic case of controlled - controller and conflict of interest . " Calvi was sentenced at first instance to six years , in the process " Significant Risks " , and it is right in the accused process that concerns the seismic isolators ( From Article L'Aquila the New Town built with the money of Europe ).This is not to criticize regardless of a social system rather than a political apparatus. Here we inform using facts, data , interviews, statements, a range of reliable sources to highlight what the national and international press " forgets" to publish. The journalism of a tiny blog or newspaper having national circulation should be the " watchdog" of the power, a critical and objective voice to a world , the political/economic/financial, which by its own nature tends to deviate more towards personal interests and patronage, for self-promotion, as history teaches, history is filled with politician who lost themselves during the years on the leadership, who dragged entire generation in ignorance, war , selfishness , passivity, in a misery more moral than material, so perhaps more serious. A criminal and grotesque policy dragged a splendid country into what Italy is in 2014. The same policy that now promises the "renewal" and "progress", why we should  believe in a system that has repeatedly failed for 30 years? The same system that is almost allergic to criticism, which uses the journalist as support for the microphone , which showing off almost annoyed if people protest because exasperated . This would be the "renovation"?! Citizens should stop hoping and start taking an active part in social life : writing , questioning, doing satire , criticizing what the system promise, because it is a Democrat "must" and is even more nowadays after decades of lies and corruption. We must pursue the well-being of our country and try to spread it like a virus, we need to avoid confusing it with the ideologies and cheer politics as at the stadium. Justice. Progress and freedom are not the daughters of any ideology and they do not need any ideology and neither politics . They exist if there is unselfish participation, the cooperation, desire to leave something good for future generations , for the future of a nation and a world where we are just passing through ..... maremmacinghialaaaaaaaaaaaaaaaa

Thursday, March 13, 2014

2014 Odissea Italia

)
In un articolo datato 25 Aprile del 2009, intitolato "Italia il paese eticamente scorretto" su Maremma Cinghiala si analizzava la situazione grottesca e surreale che avvolgeva la Nazione, come una sorta di nebbia sempre più fitta dove capirci qualcosa diventava giorno dopo giorno un'impresa impossibile.
Dopo 5 anni troviamo ancora lo stesso disamore e la stessa abitudine al fetore di un popolo sempre più stanco. La speranza è divenuta una sorta di morfina con cui attenuare anni di scandali, di promesse mancate, di truffe, di crolli, di abusi, di ritardi, di rabbia, di questioni su cui nessuno sembra avere una minima risposta.
Qualcuno si ribella ancora, ci sono ancora lotte, proteste, scioperi e qualcuno ancora prova ad usare l'arma dell'informazione per scuotere questa inerzia verso il nulla, ma, dati alla mano, sono ancora troppo pochi quelli che si sono tolti la mascherina dell'assuefazione a "tutto" e stanno cercando di riprendere in mano la loro vita.
La povertà assoluta che prima coinvolgeva 2 milioni e mezzo di persone, adesso ha toccato i 4 milioni, in appena 5 anni.
La politica invece di prendere azioni concrete gioca con le poltrone, fa accordi con Berlusconi e tutti i suoi figliocci che ancora siedono in Parlamento, parla un italiano da bar o da stadio con qualche parole in inglese per essere più internazionale, ma di internazionale rimane solo la dipendenza economica, finanziaria e militare, mentre il sociale si perde nei meandri di una crisi che obbliga ad "austerità e rigore", sempre per le stesse persone, sempre per i più deboli. La gente spera, quasi difende quei padroni e quel sistema che li hanno ridotti così, che hanno trasformato un paese in una emergenza perenne: dai crolli archeologici ai rischi idrogeologici, da Primi Ministri che si succedono senza che si svolgano regolari elezioni, da una legge elettorale ritenuta incostituzionale che ha di fatto reso "illegale" il Parlamento stesso e tutta quella massa di figuranti che non hanno nessuna vergogna a parlare in nome del popolo Italiano.
Tristi programmi politici, atrofizzati su miseri contenuti che risuonano da destra e da sinistra, slogan, pubblicità per dei cittadini che non ne vogliono più sapere, rinchiusi nella rincorsa ad un lavoro senza scelta, una dose giornaliera per sopravvivere, mentre la qualità della vita è roba per i film di fantascienza.
5 anni fa si spendevano decine di milioni di euro per una moda che non muore mai, quella della guerra, quella di fare la voce grossa sulla pace, con montagne di armi pronte a devastare altre genti e Nazioni.
Gli Stati Uniti comandano questa speciale classifica con  682 miliardi di dollari,  la somma dei seguenti 11 Stati messi insieme, Cina, Russia, Regno Unito, Giappone, Francia, Arabia Saudita,  India, Germania, Italia, Brasile, Corea del Sud, non raggiunge l'ammontare della spesa americana, e poi non lo chiamano impero?
L'Italia era 5 anni fa ed è ancora tra le prima dieci nazioni  per spesa militare con 34 miliardi di dollari, l'1.7 del PIL. La Campagna di "Sbilanciamoci" (Associazione no profit dal 1999 che riunisce economisti, ricercatori, giornalisti, studenti, operatori sociali, sindacalisti; e una rete di associazioni, organizzazioni, movimenti, che analizzano e propongono visioni alternative economico/sociali) ha calcolato che il costo di un solo F35, 135 milioni di euro, potrebbe pagare il salario di 5400 ricercatori per un anno, mettere in sicurezza 135 scuole, mettere su rotaia 21 treni per pendolari. Le priorità sono gli interessi economico-finanziari non i cittadini, e fino a che non ci sarà una rivoluzione morale e culturale dal basso, questi padroni continueranno a tirare i fili della vita di milioni di persone. Leggete il Dossier di Sbilanciamoci qui.
L'italiano non si stupisce più se per ogni opera pubblica c'è il relativo ritardo, se i costi raddoppiano magicamente, se è la prassi che qualche costruttore venga indagato. Il caso dell'Aquila è un esempio lampante: parole del sostituto procuratore antimafia Olga Capasso: "Nei primi due anni che fecero seguito al terremoto che il 6 aprile 2009 colpì L’ Aquila c’è stato «quasi un assalto alla diligenza per arrivare ad accaparrarsi gli appalti più lucrosi da parte della camorra, della ’ndrangheta e di cosa nostra (particolarmente quella gelese)."  La magistratura ha da pochi mesi messo agli arresti il vicesindaco dell'Aquila, indagando su ex assessori e funzionari pubblici aquilani ritenuti responsabili, a diverso titolo insieme a imprenditori, tecnici e faccendieri, di millantato credito, corruzione, falsità materiale e ideologica, appropriazione indebita su appalti legati alla ricostruzione post-terremoto del 6 aprile 2009.
Ma anche le famose C.A.S.E. promosse stile televendita dagli organi di informazione si sono rivelate un mezzo fallimento.  La qualità dei materiali di costruzione è variabile. Molti edifici hanno problemi col sistema elettrico, i sanitari e il riscaldamento. A Pagliare di Sassa, un palazzo si è incendiato per un cortocircuito. Era stato costruito con materiali infiammabili. Secondo la Procura dell’Aquila, duecento isolatori sismici sono difettosi. Testati da un laboratorio di San Diego, in California, gli isolatori prodotti dall’azienda “Alga Spa” hanno fallito le prove. Prima di essere usati nella costruzione, erano stati testati nel laboratorio “Eucentre” di Pavia. Il presidente di “Eucentre” era Gian Michele Calvi, che ricopriva anche l’incarico di direttore del progetto Case per la Protezione civile. Un classico caso di controllato-controllore e di conflitto di interessi». Calvi è stato condannato in primo grado a sei anni, nel processo “Grandi rischi”, ed è imputato proprio nel processo che riguarda gli isolatori sismici (dall'articolo L'aquila le New Town costruite con i soldi dell'Europa).

Qui non si tratta di criticare a prescindere un sistema sociale piuttosto che un apparato politico. Qui si infoma usando i fatti, i dati, le interviste, le dichiarazioni, una gamma di fonti attendibili per mettere in risalto quello che la stampa nazionale ed internazionale "si dimentica" di pubblicare. Il giornalismo di un minuscolo blog o il quotidiano a tiratura nazionale dovrebbero essere il "cane da guardia" del potere, una voce critica ed obiettiva verso un mondo, quello politico-finaziario-economico, che tende per sua natura a deviare sempre verso interessi personalistici e clientelari, ad autoincensarsi, la storia ce lo insegna, la storia è farcita di governanti che si sono persi durante gli anni al comando, che hanno trascinato intere generazione nell'ignoranza, nella guerra, nell'egoismo, nella passività, in una miseria più morale che materiale, dunque forse più grave. 
Una politica criminale e grottesca ha trascinato un paese splendido in quello che è adesso nel 2014. La stessa politica che adesso promette il "rinnovamento" ed il "progresso", per quale motivo dovremmo credere ad un sistema che ha reiteratamente fallito per 30 anni? Lo stesso Sistema che è quasi allergico alle critiche, che usa il giornalista come sostegno per il microfono, che si mostra quasi seccato se la gente protesta perchè esasperata. Questo sarebbe il "rinnovamento"?! I cittadini dovrebbero smetterla di sperare e iniziare a prendere parte attivamente alla vita sociale: scrivendo, domandando, facendo satira, criticando quello che i potenti promettono, perchè è un dovere Democratico e lo è ancora di più dopo decenni di balle e di corruzione. Dobbiamo inseguire il benessere del nostro Paese e cercare di diffonderlo come un virus, dobbiamo evitare di confonderlo con le ideologie e tifare la politica come si fa allo stadio. La giustizia, il progresso, la libertà non sono figlie di nessuna ideologia e non hanno bisogno di nessuna ideologia e di nessuna politica. Esistono se esiste la partecipazione disinteressata, la cooperazione, il desiderio di lasciare qualcosa di buono per le future generazioni, per il futuro di una Nazione e di un mondo in cui siamo solo di passaggio.....maremmacinghialaaaaaaaaaaaaaaaa